Home

Deficit di deambulazione e contrassegno di parcheggio per disabili

Il contrassegno di parcheggio per disabili consente l’accesso alle zone a traffico limitato e la sosta negli spazi riservati.
Per ottenerlo è necessario un certificato medico che attesti il deficit di deambulazione, rilasciato dalla Medicina Legale e Risk Management dell'AUSL di Modena, che deve essere consegnato al Comando di Polizia Municipale del comune di residenza della persona interessata. I cittadini residenti nel comune di Modena devono rivolgersi all'Ufficio Sosta del Comune di Modena.

Il certificato medico può essere richiesto:

  • in occasione della visita presso la Commissione medica di accertamento della disabilità all’Azienda USL
  • come prestazione specialistica di Medicina Legale
 

In questo secondo caso la richiesta deve essere presentata utilizzando l’apposito modulo disponibile alla pagina dedicata nella quale sono riportate anche tutte le informazioni utili.

 

Rilascio contrassegno senza necessità del certificato medico

Il contrassegno può essere rilasciato dagli uffici preposti, senza necessità di produrre il certificato medico, per le seguenti persone:

  • titolari di verbali sui quali sia espressamente indicata la dicitura “invalido con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta (art. 381 del DPR 495/1992)” oppure “handicap psichico e mentale di gravità tale da aver determinato il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento, invalido con grave limitazione della deambulazione o affetto da pluriamputazioni” (art. 30, comma 7, L.388/2000) che attestano il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento ai sensi della L.18/80 e L.508/88;
  • non vedenti (cieco assoluto, parziale o ipovedente grave ai sensi della L.382/1970, L. 508/80 e L.138/2001)
 

Riesame della valutazione

Se il certificato non viene rilasciato per assenza dei requisiti sanitari e l'interessato non concorda con il giudizio espresso dal medico, può richiedere il riesame della valutazione compilando l'apposito modulo.
L'interessato verrà visitato alla presenza di specialista nella patologia prevalente, in relazione al deficit deambulatorio.

 
Ultimo aggiornamento: 11 Febbraio 2021