1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Ausl Modena - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Màt, la settimana della salute mentale

Inziative dal 18 al 25 ottobre a Modena e in provincia. Tra gli ospiti anche Shekar Saxena, Direttore della Divisione di Salute Mentale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, il noto conduttore Gianluca Nicoletti e il giornalista Sergio Zavoli

(Modena, 10.10.2013) - Sarā la guarigione il filo conduttore della terza edizione di Māt, Settimana della salute Mentale, in programma a Modena e provincia dal 18 al 25 ottobre. Una scelta fortemente caratterizzante che consente di affrontare e cercare di smontare, pezzo dopo pezzo, uno dei pių seri e radicati pregiudizi sulla malattia mentale. La letteratura scientifica e numerose testimonianze sono ormai concordi nell'affermarlo.

"La presunzione di inguaribilitā, scomoda ereditā di una visione tardo ottocentesca dei disturbi psichiatrici, č causa di pessimismo e frustrazione nei professionisti, di scoramento e disperazione nei pazienti e nei familiari; inoltre porta a soluzioni assistenzialistiche e "neo-manicomiali" da parte di coloro che sono chiamati a dare risposte legate alla cura. Oggi parlare di guarigione non deve essere un tabų. La guarigione, intesa come la possibilitā di elaborare e trasformare l'esperienza spesso devastante di una patologia psichiatrica o dell'abuso di sostanze, in modo compatibile con l'esercizio di un ruolo sociale, relazionale, affettivo, č possibile, anche nei casi pių gravi." Sono le parole di Fabrizio Starace, direttore del Dipartimento di salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell'Azienda Usl di Modena, pronunciate in occasione della presentazione della terza edizione di Māt, simbolicamente annunciata in coincidenza con la giornata Mondiale della Salute Mentale che si celebra proprio oggi, 10 ottobre.

Secondo uno schema ormai collaudato e che ha decretato il successo delle due prime edizioni, anche per il 2013 il programma č stato messo a punto avendo l'obiettivo primario di raccontare in tutte le sue possibili sfaccettature il multiforme mondo della salute mentale. Per sfatare il mito della inguaribilitā, oltre alle evidenze scientifiche, si č deciso di dare ampio spazio alle narrazioni personali che attraversano la malattia mentale. La costruzione del programma č il frutto di un lavoro durato diversi mesi, che ha coinvolto una molteplicitā di soggetti: tra gli attori principali gli stessi pazienti, i loro familiari e le Associazioni del volontariato.

Il risultato finale č un programma ricchissimo di eventi: oltre ottanta appuntamenti, distribuiti in tutta la provincia, che affrontano da punti di vista decisamente differenti il tema della salute mentale. Convegni di approfondimento con esperti di primissimo piano, presentazioni di libri, mostre, momenti musicali, sport, teatro. Davvero un menų ricchissimo in grado di coinvolgere persone di ogni tipo, dagli addetti ai lavori ai semplici curiosi, e per proseguire un'operazione che č prima di tutto di tipo culturale per superare i pregiudizi e le diffidenze che spesso nascono dalla scarsa conoscenza di un argomento.
 
Come tutte le manifestazioni che ambiscono a diventare un punto di riferimento a livello nazionale, non mancano naturalmente i nomi di grande richiamo, per il loro spessore professionale o la loro notorietā. Tra i primi, spiccano Shekar Saxena, Direttore della Divisione di Salute Mentale dell'Organizzazione Mondiale della Sanitā, David Shiers, membro della Commissione Nazionale inglese sulla Schizofrenia e lo psichiatra Peppe Dell'Acqua, protagonista della rivoluzione culturale che ha accompagnato la chiusura dei manicomi in Italia.  Tra i secondi, il decano del giornalismo italiano Sergio Zavoli e il conduttore radiofonico e scrittore Gianluca Nicoletti.

Māt ha ottenuto il patrocinio di:
Associazione Italiana Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica, Associazione Nazionale Educatori Professionali, Collegio Provinciale IPASVI di Modena, Comune di Castelvetro di Modena, Comune di Concordia sulla Secchia, Comune di Frassinoro, Comune di Maranello, Comune di Medolla, Comune di Modena, Comune di Polinago, Comune di Ravarino, Comune di Sassuolo, Comune di Vignola, Comune di Zocca, Cittā di Carpi, Federazione Logopedisti Italiani, Ordine Assistenti Sociali Emilia Romagna, Ordine dei giornalisti della Regione Emilia-Romagna, Universitā degli Studi di Modena e Reggio

L'iniziativa č stata realizzata grazie al sostegno di:
Assessorato Politiche per la Salute Regione Emilia-Romagna Servizio Salute Mentale, Dipendenze Patologiche Salute nelle Carceri, Azienda USL di Modena, Provincia di Modena, i 47 Comuni della Provincia di Modena, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi, Fondazione Cassa di Risparmio di Vignola, Fondazione Universitaria Marco Biagi, Camera di Commercio di Modena, Spazio La Tenda.

 
 
 

Menu di sezione