1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Ausl Modena - Testata per la stampa
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Linkedin
  4. YouTube

Contenuto della pagina

Segnalazioni condotte illecite (whistleblower)

I dipendenti, collaboratori e altre persone che intendono segnalare situazioni di illecito (fatti di corruzione ed altri reati contro la Pubblica Amministrazione, fatti di supposto danno erariale o altri illeciti amministrativi) di cui sono venuti a conoscenza nell'amministrazione devono utilizzare la presente procedura.

Prima di procedere con la segnalazione, vi invitiamo a leggere il documento che ne descrive in dettaglio la procedura.


La segnalazione può essere presentata in diversi modi:

  • tramite modulo online al Responsabile per la Prevenzione della Corruzione aziendale
  • direttamente all' Autorità Nazionale Anticorruzione  www.anticorruzione.it;
  • verbalmente, mediante dichiarazione al Responsabile per la Prevenzione della Corruzione dell'Azienda USL di Modena;
  • utilizzando il modulo sotto riportato e inviandolo chiuso in doppia busta a mezzo del servizio postale o tramite posta interna, scrivendo sulla busta RISERVATA PERSONALE e inviata a:  Dott. Massimo - Brunetti Servizio Responsabile Prevenzione Corruzione- Via San Giovanni del Cantone 23 - 41100 Modena -    oppure via mail a: integrita@ausl.mo.it (mail accessibile solo al Dr. Brunetti);


Se invece la segnalazione riguarda possibili miglioramenti della nostra organizzazione, i cittadini possono rivolgersi all'Ufficio Relazioni con il Pubblico o usare direttamente questo modulo, mentre invece operatori e collaboratori dell'Azienda possono usare questo modulo.

Si ricorda che la legge 190/2012 tutela i dipendenti che effettuano la segnalazione di illecito, prevedendo che:

  • la nostra azienda abbia dei sistemi di tutela della riservatezza circa l'identità del segnalante;
  • l'identità del segnalante sia protetta in ogni contesto successivo alla segnalazione. Nel procedimento disciplinare, l'identità del segnalante non sarà rivelata senza il suo consenso, a meno che la sua conoscenza non sia assolutamente indispensabile per la difesa dell'incolpato;
  • la denuncia sarà sottratta all'accesso previsto dagli articoli 22 ss. della legge 7 agosto 1990, n. 241;
  • il denunciante che ritiene di essere stato discriminato nel lavoro a causa della denuncia, può segnalare (anche attraverso il sindacato) all'Ispettorato della Funzione Pubblica i fatti di discriminazione.
 


Si ricorda che le segnalazioni possono essere fatte anche in forma anonima.
In quest'ultimo caso è importante che siano ben circostanziate, dettagliate, complete, verificabili
ed eventualmente, ove possibile, supportate da elementi probatori considerata l'impossibilità di richiedere eventuali approfondimenti.


Per informazioni:

Massimo Brunetti - Responsabile per la Prevenzione della Corruzione e Trasparenza
m.brunetti@ausl.mo.it - 3204340906

Menu di sezione