1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Ausl Modena - Testata per la stampa
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Linkedin
  4. YouTube

Contenuto della pagina

Cresce la presenza degli infermieri in Appennino

Un infermiere dell'Ausl di Modena sul mezzo dell'Anpas a Roccamalatina di Guiglia

Dal 29 gennaio salirà sull'ambulanza di Anpas di stanza a Roccamalatina un infermiere del 118: continua così il potenziamento del sistema dell'emergenza-urgenza sull'Area Sud della Provincia.
A beneficiarne sarà tutto il territorio di Guiglia e dei comuni limitrofi: l'infermiere, afferente al Pronto soccorso di Vignola, coprirà sul mezzo dell'Anpas un turno di sei ore, 5 giorni su 7, assicurando così un maggior livello di sicurezza.
Il modello organizzativo è quello già in essere nella nostra Provincia, che vede la presenza di "equipaggi misti" con infermiere 118 e volontario soccorritore. Una sinergia importante, quella tra i professionisti sanitari ed il volontariato, che ha l'obiettivo di garantire la pronta risposta, l'efficacia dell'intervento e il collegamento con gli ospedali di riferimento.
Il progetto di sviluppo della Azienda USL di Modena dedicato alla rete dell'emergenza territoriale ha visto tagliare negli ultimi mesi diversi traguardi sull'Area Sud: l'attivazione delle elisuperfici notturne di Palagano e Pavullo, l'automedica con sede a Pavullo che si affianca a quella già presente a Vignola. Investimenti sul personale hanno inoltre permesso di attivare le due postazioni infermieristiche h24 a Montese e Zocca. Un infermiere in più sul territorio permette oggi di ottimizzare la rete di risorse a disposizione e rendere ancora più efficiente la risposta ai bisogni di assistenza dei cittadini in un settore cruciale come quello dell'emergenza-urgenza.

 

Menu di sezione