1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Ausl Modena - Testata per la stampa
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Linkedin
  4. YouTube
  5. Instagram

Contenuto della pagina

"Camminare come i pinguini" per non scivolare e limitare al massimo gli spostamenti

Potenziamenti di personale e mezzi, sale operatorie, letti e pasti ma anche video, infografiche: Azienda USL in campo per fronteggiare l'eventuale gelicidio

(01.03.2018) - Camminare come fanno i pinguini, tenendo il baricentro sulla verticale del piede che avanza, riduce il rischio di perdere l'equilibrio". In previsione del gelicidio di domani, con un video postato sulla sua pagina facebook l'Azienda USL ha lanciato una campagna su tutti i mezzi per invitare i cittadini a ridurre al massimo gli spostamenti ed a prestare la massima attenzione, al fine di evitare cadute.

Su tutta la sua rete territoriale è stato potenziato nella giornata di oggi il sistema di mezzi del 118 - a Carpi, Finale Emilia, Mirandola, Camposanto, Modena, Castelfranco, Sassuolo/Maranello, Vignola, Riolunato, Montecreto e Pavullo - in sinergia con Protezione civile e volontariato provinciale, con previsioni di ulteriori incrementi nella notte e domani in funzione dell'eventuale aumento della domanda di soccorso.

Potenziato con medico e infermiere aggiuntivi ogni Pronto soccorso (a Carpi, Mirandola, Pavullo e Vignola), e trasformate diverse pronte disponibilità notturne in servizi di guardia attiva. Particolare attenzione anche a tutta la parte ortopedica-traumatologica, anestesiologica e radiologica, con incremento del personale per garantire l'assorbimento di eventuali picchi di afflusso. Nei singoli ospedali sono state adottate misure ulteriori, come la messa in disponibilità di sedute chirurgiche aggiuntive per garantire la fruibilità delle sale operatorie per le urgenze ortopediche, e l'aumento di posti letto e pasti a disposizione di chi è chiamato a garantire la continuità dell'assistenza, con l'obiettivo di ridurre gli spostamenti, rischiosi anche per gli operatori sanitari oltre che per i cittadini. 

Monitorati a domicilio, in collaborazione con i servizi sociali, tutti i pazienti fragili nei rispettivi distretti (disabili tracheotomizzati e ventilati a casa, persone con dispositivi salvavita, ecc). Nell'area dell'Alto Frignano tutte le gravide in imminenza di parto sono state contattate e monitorate; a quelle in età gestazionale superiore alle 38 settimane è stata offerta la possibilità di alloggio vicino alla struttura scelta per il parto.

Da ricordare infine la possibilità di spostare tutte le prestazioni ordinarie (visite specialistiche, esami di diagnostica e chirurgia ambulatoriale programmata) prenotate per la giornata di venerdì 2 marzo. Ulteriori aggiornamenti seguiranno nella giornata di domani.

 

Menu di sezione