Home

Condividi

Stili di vita sani per il benessere dei più piccoli

Contrastare obesità e sovrappeso: obiettivo di Sanità Pubblica per l'Azienda USL di Modena

Promuovere il benessere e contrastare l'obesità ed il sovrappeso fin dall'infanzia sono obiettivi prioritari di Sanità Pubblica sui quali l'Azienda USL di Modena investe quotidianamente, in collaborazione con le agenzie educative e sociali del territorio.

Lo ha spiegato Alberto Tripodi, specialista in alimentazione dell'AUSL, presentando il progetto "InForma a scuola", che coinvolge diversi istituti della nostra provincia. 
"I dati - osserva - ci dicono quanto siano importanti stili di vita sani: in Italia il 21% dei bambini di 8-9 anni è sovrappeso e oltre il 9% obeso, valore leggermente inferiore in Provincia di Modena, dove si assesta al 7,2%. Fortunatamente negli ultimi 10 anni abbiamo assistito a una lieve ma progressiva riduzione della prevalenza di obesità infantile.
Accanto a ciò, il problema della sedentarietà: poco più di 3 bambini su 10 svolgono un livello di attività fisica raccomandato per la loro età, e ben un 40% di essi trascorre più delle 2 ore consigliate come tempo massimo davanti a uno schermo (TV, videogiochi, tablet o cellulare)".
In questo contesto la scuola gioca un ruolo fondamentale nel favorire l'adozione di comportamenti corretti e sani stili di vita, e il nostro territorio lo ha ben compreso. Nel 73% delle scuole primarie della provincia di Modena, infatti, sono stati distribuiti cibi salutari - in particolare la frutta - per la merenda mattutina e il 60% delle classi ha partecipato a progetti di promozione del consumo di alimenti sani, grazie anche al contributo di enti, associazioni, aziende private che hanno fatto rete intorno ai nostri bambini. Circa il 70% delle scuole primarie, infine, offre agli alunni occasioni per svolgere attività motoria extracurricolare.

"Nell'infanzia è certamente più facile radicare buoni comportamenti, e l'Azienda sanitaria assicura la sua presenza e il suo impegno - conclude Alberto Tripodi -, in sinergia con le figure educative che sono accanto al bambino in crescita - in particolare famiglia e scuola - per assicurare coerenza di messaggi ed esempi concreti".

 
 

[9 marzo 2018]

Ultimo aggiornamento: 03 Luglio 2018