Home

Condividi

Carpi presenta la Breast Unit dell'Azienda USL di Modena

La Rete regionale dei Centri di Senologia dell'Emilia-Romagna - Il racconto del percorso di cura dalle voci delle donne e dei professionisti

I volti e le parole delle donne che vivono il percorso di diagnosi e cura del tumore al seno e l'esperienza dei professionisti che le accompagnano, giorno dopo giorno, mettendo a disposizione competenze diversificate per un'assistenza personalizzata e di altissima qualità. Così l'Azienda USL di Modena ha presentato la sua Breast Unit, modello di riferimento nel campo del tumore al seno inserita nella Rete dei Centri di senologia dell'Emilia-Romagna (DGR 345/2018).

Prevenzione e screening, approfondimento diagnostico, terapia, follow up e riabilitazione: nella Breast Unit l'assistenza è costruita intorno alla donna, che viene presa per mano per affrontare il carcinoma mammario con le maggiori chances di guarigione. Ciascuna paziente è seguita, nell'intero percorso della sua malattia, da un team di specialisti dedicati, che si prendono cura di tutti i bisogni fisici e psicologici, definendo la miglior terapia per ogni caso, secondo i più aggiornati protocolli e linee guida.

Grazie a interventi di costante miglioramento tecnologico da parte dell'Azienda USL di Modena, anche con il contributo di donatori privati, oggi la Breast Unit dell'Ospedale di Carpi dispone di tutte le dotazioni più all'avanguardia, tra cui due mammografi, una tomosintesi, la RM mammaria, la Radioterapia e, prima realtà in Italia ad averlo adottato, lo Scalp cooler, il casco refrigerante che previene la perdita dei capelli.

La donna non deve cercare i diversi professionisti: attraverso il percorso di screening oppure, ove necessario, la diagnostica urgente, tutto avviene all'interno del Centro di senologia, in strutture integrate dal punto di vista funzionale. Il Core team multidisciplinare vede la presenza di Radiologo, Patologo, Chirurgo, Radioterapista, Oncologo; l'Extended team accoglie altre figure cliniche quali Medico nucleare, Chirurgo plastico, Fisiatra, Genetista, Psico-oncologo, Ginecologo con esperienza in preservazione della fertilità, Palliativista; ancora, un Data manager e un Nutrizionista a completare il percorso, e tutto il personale infermieristico e di sala operatoria, per un'assistenza globale dove la connessione fra le varie fasi è guidata dal Case Manager con la personalizzazione dell'intero iter.

Collabora attivamente alla Breast Unit di Carpi anche il personale dell'Ospedale di Mirandola, in particolare i radiologi e medici e infermieri del Day Service Oncologico, per offrire la migliore assistenza il più vicino possibile al domicilio delle pazienti. Centrale nell'intero percorso di cura il ruolo del volontariato, che accoglie e accompagna la donna e i suoi famigliari, supportando i professionisti.

 
 


"Il riconoscimento del Centro di Senologia dell'AUSL di Modena presso l'Ospedale di Carpi premia un modello di assistenza che è quello dell'integrazione fra molteplici figure professionali e dell'approccio alla 'persona' oltre che alla patologia - commenta il Direttore Generale Massimo Annicchiarico -. Si conciliano così le migliori pratiche cliniche ed i più avanzati trattamenti farmacologici con una medicina sempre più attenta alla individualità delle cure, ed alle specifiche esigenze delle donne. Coniugare altissima qualità tecnica ed altrettanto alta qualità umana rappresenta il valore aggiunto del modello Breast Unit di Carpi".

 
 

"Non posso che essere estremamente soddisfatto di questo ulteriore riconoscimento nei confronti dell'Ospedale Ramazzini, che conferma sempre più la sua vocazione nell'ambito oncologico e dei tumori femminili e la qualità dei propri professionisti - dichiara il Sindaco di Carpi Alberto Bellelli -. Un momento della vita di una donna, quello nel quale si scopre la malattia e si affrontano terapie e cure in un ambito così delicato per la relazione della persona con il proprio corpo, che non deve mai fare sentire la paziente abbandonata: anzi proprio in questa circostanza la donna va presa per mano con un approccio multidisciplinare e valutato caso per caso. 
Quella della nostra Breast Unit è un'opportunità che oggi viene inserita nella Rete regionale dei Centri di Senologia dell'Emilia-Romagna (e su dodici centri compresi nella lista gli unici non capoluoghi di provincia sono Imola e proprio Carpi) ed è stata preceduta da recenti realizzazioni come la Radioterapia, il Laboratorio per i farmaci antiblastici e il Day Service oncologico, tanto per citarne alcune. 
La sanità di Carpi e più complessivamente dell'Area Nord continua dunque a giocare un ruolo attivo e propositivo all'interno della cabina di regia che accompagna il percorso di sperimentazione verso l'unificazione di Baggiovara e Policlinico, continuando ad arricchire le rete ospedaliera provinciale".

 
 

I dati

Nell'ultimo anno con dati verificati disponibili (2016) in Provincia di Modena, su una popolazione bersaglio di quasi 85mila donne, ha aderito allo screening l'80% delle invitate; sono state richiamate per ulteriori accertamenti 2238 donne, pari al 5% di quelle monitorate. Di queste, circa 400 sono state sottoposte ad intervento. 
Proprio dal percorso di screening arriva il 55% delle donne operate presso la Breast Unit di Carpi, che ogni anno esegue complessivamente dai 250 ai 350 interventi (il restante 45% proviene invece dalla radiologia clinica). 
In quasi 10 anni di attività sono state prese in carico e curate circa 3000 donne con tumore al seno, il 70% delle quali provenienti dai Distretti di Carpi e Mirandola.

 
 

[4 aprile 2018]

Ultimo aggiornamento: 03 Luglio 2018