Home

Condividi

Arriva l'auto infermieristica Alto Frignano Uno

Sinergia tra volontariato e Azienda Usl: si rafforza ancora la sicurezza dei cittadini

Si rafforza ancora il sistema dell'Emergenza-urgenza nel Distretto di Pavullo, con un'auto infermieristica a disposizione di tutto l'Alto Frignano, collocata a Riolunato, in turno h12 notturno (dalle 20 alle 8). La partecipazione attiva delle tre Associazioni dell'area (Pubblica Assistenza Riolunato, Pubblica Assistenza Fiumalbo e Misericordia Pievepelago) che in sinergia gestiranno il servizio, costituisce insieme all'infermiere dell'Azienda Usl l'equipaggio del mezzo di soccorso, attivo da lunedì 28 maggio.

La sigla del mezzo, scelta direttamente dal Volontariato del Soccorso, è ALTO FRIGNANO UNO, proprio a sottolineare la collaborazione fra le Associazioni di tutta l'area.

"Esprimo grande soddisfazione a nome dell'Unione dei Comuni del Frignano nel constatare come l'Azienda USL di Modena stia realizzando l'importante riorganizzazione dell'Ospedale di Pavullo e della Rete territoriale dell'emergenza 118 nel rispetto della tempistica prevista - osserva il Presidente dell'Unione Leandro Bonucchi -. L'inizio dell'attività dell'auto infermieristica notturna nell'Alto Frignano con infermiere del Dipartimento di Emergenza Urgenza rappresenta un importante tassello per garantire professionalità e stabilità del sistema emergenza di un'area vasta che va da Montecreto e Lama fino a Pievepelago e Fiumalbo. La presenza del volontariato è un segno distintivo della Provincia di Modena: la sinergia e collaborazione create sull'Alto Frignano sono un ottimo presupposto per l'estensione della presenza dell'auto infermieristica anche alla fascia diurna".

Grande soddisfazione è espressa anche dalle Associazioni di Volontariato del territorio, Pubblica Assistenza di Fiumalbo, Pubblica Assistenza di Riolunato e Confraternita della Misericordia di Pievepelago che, in concorso tra loro, metteranno a disposizione il mezzo e l'autista soccorritore. "Siamo particolarmente soddisfatti dell'avvio di questo nuovo servizio che condividiamo in pieno sia dal punto di vista della tipologia sia della modalità organizzativa", commenta a nome dei tre soggetti Alessandra Trabucco, Coordinatore ANPAS Pubbliche Assistenze provincia di Modena. "L'auto infermieristica, assieme alle altre risorse già a disposizione del territorio, tra cui tre ambulanze, il medico e l'elisoccorso, sarà un validissimo aiuto per l'Alto Frignano e qualificherà ulteriormente le attività di emergenza urgenza. Ringraziamo, anche come cittadini attivi, l'Azienda USL di Modena e le Amministrazioni locali per questo nuovo servizio che garantirà maggior sicurezza a tutta la nostra Comunità".

 

Un sistema in continua crescita

Nell'ambito del potenziamento dell'Emergenza-urgenza nell'area sud della provincia approvato dalla Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria sono stati attivati, in pochi mesi: l'automedica h24 al Ps di Pavullo con sei infermieri in più (settembre 2017), la presenza infermieristica h6 a Polinago (maggio 2018) e le elisuperfici notturne di Palagano (agosto 2017), Pavullo (settembre 2017), Montese (aprile 2018).

Prevista per la fine dell'anno l'estensione alle 24 ore dell'auto infermieristica dell'Alto Frignano, oltre al completamento delle postazioni per il volo notturno (a Fanano, Fiumalbo, Pievepelago, Prignano, Serramazzoni e Zocca nel 2018, a Frassinoro, Sestola e Montefiorino nel 2019), fortemente voluto dalla Regione Emilia-Romagna per consolidare i servizi d'emergenza già garantiti con gli automezzi del 118 dell'Azienda USL e delle Pubbliche Assistenze in aree lontane dagli ospedali 'hub' di riferimento e dal medico di continuità assistenziale presso la sede di Pievepelago.

 
 

[25 maggio 2018]

Ultimo aggiornamento: 03 Luglio 2018