1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Ausl Modena - Testata per la stampa
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Linkedin
  4. YouTube
  5. Instagram

Contenuto della pagina

Consegnato il cantiere: prima pietra dell'Hospice di Castelfranco Emilia

Insieme a Ospedale di Comunità e piattaforma chirurgica più servizi per i cittadini

2300 mq di cantiere e tre nuove strutture per un arricchimento quantitativo e qualitativo dell'offerta di assistenza a Castelfranco Emilia e sull'intera rete della sanità provinciale.
È stato consegnato oggi, alla presenza del Sindaco Stefano Reggianini, del Direttore Generale dell'Azienda USL di Modena Massimo Annicchiarico, dei rappresentanti della Conferenza territoriale sociale e sanitaria e dell'Unione dei Comuni del Sorbara, il cantiere per la costruzione del nuovo Ospedale di Comunità, dell'Hospice e della piattaforma chirurgica ambulatoriale di Castelfranco Emilia.
Una ristrutturazione imponente, su un'area vasta all'interno della Casa della Salute Regina Margherita che sarà finalizzata a ridisegnare ed aumentare gli spazi, in risposta ai nuovi bisogni di salute dei cittadini dell'area centrale della provincia di Modena.

 
 
Il rendering di una stanza dell'Hospice
Il rendering di una stanza dell'Hospice

Per l' OsCo, gli ambienti saranno completamente rinnovati nel rispetto delle normative su sicurezza, risparmio energetico e qualità alberghiera. L'intervento, per complessivi 785 mq, consentirà di incrementare da 16 a 20 i posti letto, ampliando così l'offerta a disposizione dei cittadini del Distretto.

La realizzazione dell' Hospice, inserita tra le priorità del piano di riordino della rete dei Servizi approvato dalla Conferenza territoriale sociale e sanitaria della Provincia di Modena, consentirà di accogliere, in diverse fasi del percorso di cura, i cittadini in trattamento palliativo già oggi seguiti a domicilio e nello specifico ambulatorio. Dotato di 15 posti letto (stanze singole e doppie), spazi comuni e altri ambienti di supporto all'assistenza per un totale di 840 mq, avrà caratteristiche idonee ad accogliere pazienti e famiglie in spazi adeguati.
I due interventi, rispettivamente al secondo e al terzo piano della Casa della Salute, avranno la durata di 14 mesi ed interesseranno il braccio centrale che collega i due corpi dell'edificio. Sempre al terzo piano, nel corpo affacciato sul parco, sarà realizzata la nuova piattaforma chirurgica: ambienti più ampi e tecnologicamente avanzati, con 2 ambulatori e una sala di osservazione. Sarà collocato qui anche il nuovo ambulatorio di endoscopia digestiva insieme alla chirurgia oculistica, ginecologica e dermatologica, a servizio della rete provinciale. Il tutto su una superficie complessiva di 230 mq.

Il finanziamento complessivo è di 3milioni 405mila euro. La ditta che si è aggiudicata l'appalto è la AR.CO. Lavori SCC di Ravenna.


 
 

"Questo importante intervento di ristrutturazione accrescerà l'offerta di assistenza del polo di Castelfranco Emilia all'interno della rete sanitaria provinciale - commentano il sindaco Stefano Reggianini e l'assessore alle Politiche Sociali e Salute Nadia Caselgrandi -.
Ad una migliore offerta della piattaforma chirurgica ed una collocazione funzionale e ammodernata dell'Ospedale di Comunità si aggiungerà il primo Hospice territoriale a disposizione dei cittadini dell'area centro della nostra provincia, così come definito nella programmazione sanitaria. Un ringraziamento particolare all'Azienda USL e ai suoi professionisti per l'attività di progettazione e per la proposta di qualificazione della Casa della Salute che ci consegnano".

"La Casa della Salute di Castelfranco è un vero simbolo della sanità moderna - aggiunge Massimo Annicchiarico - Prossimità, complessità tecnico-professionale gestita sul territorio, attenzione all'individuo ed ai suoi valori, comunità locale e professionisti che operano insieme per costruire salute in ogni momento della vita".

Lo spostamento dell'OsCo dagli attuali ambienti, avviato nei giorni scorsi e necessario per consentire l'effettuazione dei lavori, potrà comportare un disagio per i cittadini legato alla presenza del cantiere e al cambiamento dei percorsi interni di accesso ai servizi.
La Portineria della Casa della Salute fornirà tutte le informazioni per raggiungere l'OsCo nella sua nuova collocazione.


 

Menu di sezione