Home

Condividi

Continuano i trattamenti per ridurre i fastidiosi insetti. Tredici sedi coinvolte, interventi ogni settimana fino a fine settembre

Proseguono gli interventi straordinari di disinfestazione con trattamenti adulticidinelle strutture sanitarie dell'Azienda USL di Modena, mentre anche i trattamenti larvicidi in corso da giugno saranno raddoppiati. Il tutto fino alla fine di settembre, con un obiettivo: contribuire il più possibile a contrastare la moltiplicazione delle zanzare, sia tigre che culex (zanzara comune), quest'ultima responsabile della trasmissione del virus West Nile all'uomo. Un'infezione che può passare inosservata o con sintomi simili a un'influenza ma che, in rari casi e soprattutto in persone debilitate, può arrivare a forme neurologiche gravi che richiedono il ricovero in ospedale.

Gli interventi aggiuntivi sono rivolti ai luoghi con spazi verdi fruibili dai soggetti più a rischio di complicanze in caso di infezione, secondo le indicazioni inviate dalla Regione Emilia Romagna ad Aziende sanitarie e Amministrazioni comunali. È stata dunque stilata una lista di 13 sedi, tra cui tutti gli ospedali, diversi servizi territoriali e alcune Case della Salute. La disinfestazione è effettuata da una ditta specializzata, con un prodotto a bassa tossicità a base di piretro registrato dal Ministero della Salute per l'uso in ambiente civile, come indicato nelle linee guida regionali.

In concomitanza con i trattamenti - tutti programmati durante la notte - e nell'ora successiva è stata disposta la chiusura delle finestre; sarà vietato sostare nelle zone esterne per 48 ore dalla fine dell'intervento, mentre sarà possibile il passaggio. Il personale è stato istruito sulle misure di sicurezza da adottare, mentre nelle sedi interessate saranno affissi cartelli informativi a disposizione di pazienti e visitatori.

 
 

I consigli per i cittadini

La lotta contro i fastidiosi insetti vede insieme Aziende sanitarie, Amministrazioni locali e cittadini, chiamati a curare i propri spazi verdi, oltre che a proteggersi dalle punture. A questo proposito l'Azienda USL di Modena ricorda queste tre semplici mosse:

1 - Evitare il ristagno d'acqua: eliminarla da sottovasi e giochi per i bambini, garantire il ricircolo nelle piscine e nelle fontane, inserire in vasche e laghetti predatori naturali come pesci rossi o gambusie che aiutano nella lotta biologica alle zanzare. È bene innaffiare orti e giardini senza creare pozzanghere e coprire sempre con zanzariera o svuotare ogni due giorni eventuali bidoni per la raccolta dell'acqua piovana.

2 - Effettuare trattamenti larvicidi:
quelli consigliati contro la zanzara tigre sono già efficaci anche contro la culex. I prodotti, chimici o microbiologici, sono acquistabili in farmacia o presso le rivendite di prodotti agricoli. È sempre consigliabile rivolgersi a personale specializzato per individuare il formulato più appropriato, evitando il fai-da-te. Opere di disinfestazione con prodotti adulticidi da parte di privati cittadini nelle aree di residenza sono sconsigliate in quanto un utilizzo scorretto può contribuire a creare fenomeni di resistenza delle zanzare agli insetticidi.

3 - Proteggersi sempre dalle punture: in ambienti chiusi usare zanzariere ed eventualmente insetticidi adatti (leggere sempre attentamente le avvertenze). All'aperto, soprattutto nelle ore serali indossare indumenti di colore chiaro, che coprano quando possibile anche braccia e gambe; evitare profumi, creme e dopobarba che attraggono gli insetti; usare repellenti cutanei (verificare sempre le caratteristiche - principio attivo, concentrazione, precauzioni d'uso ecc. - e l'età minima di utilizzo). Attenzione, le abitudini di culex cambiano nel corso della stagione, e verso la fine dell'estate cominciano a pungere anche al crepuscolo.

Informazioni
A disposizione dei cittadini anche il numero verde gratuito del Servizio sanitario regionale: 800 033 033; la Regione ha inoltre predisposto materiali cartacei disponibili in tutti gli ambulatori di Sanità Pubblica e consultabili alle pagine dedicate sul sito della Regione Emilia-Romagna e su www.zanzaratigreonline.it; per i canali web e social è disponibile una pagina riassuntiva facilmente consultabile anche da smartphone.

 
 

[24 agosto 2018]

Ultimo aggiornamento: 27 Agosto 2018