Home

Condividi

Open Day al Punto Nascita di Mirandola: una giornata per la Comunità

Tante future mamme e neo mamme oggi al Santa Maria Bianca per conoscere il Percorso Nascita e il Punto Nascita, e partecipare al Flash mob sull’allattamento

Successo di presenze per l’Open day sul Percorso Nascita organizzato dall’Azienda USL di Modena all’Ospedale di Mirandola: porte aperte, per tutta la mattinata di oggi, sabato 6 ottobre, al Punto nascita del Santa Maria Bianca, dove medici e ostetriche hanno incontrato le future mamme e neomamme, i papà e i bimbi che hanno partecipato alla presentazione della struttura e al Flash mob previsto nell’ambito della Settimana per l’Allattamento materno. Dopo i saluti iniziali e un video per far conoscere il personale e il funzionamento del Reparto, è stato possibile toccare con mano l’offerta di assistenza del Punto nascita.
Grazie anche al sostegno e alla collaborazione della Comunità, è oggi una struttura all'avanguardia, che non solo risponde pienamente agli standard nazionali richiesti per i Punti Nascita di primo livello, ma offre accudimento e personalizzazione in evento così speciale come l’arrivo di una nuova vita.
Le competenze professionali del personale ostetrico, infermieristico e medico, le dotazioni tecnologiche e strutturali, la completezza della presa in carico, dalla gravidanza ai primi giorni di vita del bambino: queste le caratteristiche dell’Unità operativa semplice di Ostetricia e Ginecologia, il cui personale era presente oggi ad accogliere le mamme insieme a tutto al personale del Nido, della Pediatria e del Consultorio di Mirandola.

 
 

Il Punto Nascita

Il Punto Nascita è il fulcro del Percorso Nascita sul territorio di Mirandola e, in sinergia con il Consultorio, si occupa della gravidanza dalla diagnosi prenatale fino all'assistenza al parto e al puerperio. I professionisti incontrano le gravide prima del ricovero, con l’obiettivo di migliorare l’accoglienza e costruire un legame di fiducia che possa sostenere le mamme durante le fasi del parto e nel puerperio. Il rapporto offerto in travaglio è “one to one” (una ostetrica per ciascuna donna), e sia le ostetriche che le infermiere del nido sono sempre disponibili a rispondere a dubbi e domande che possono insorgere prima o dopo il parto. La postazione infermieristica nella zona centrale del reparto consente inoltre un maggiore coordinamento per tutto il personale e una sorveglianza ideale per le diverse aree.
Con l'adeguamento ai requisiti specifici e agli standard richiesti nell'ambito della deroga di due anni concessa per il proseguimento dell'attività, è possibile confermare la totalità dei criteri d'accesso previsti dalle indicazioni del Ministero e utilizzati fino ad oggi per l'accompagnamento delle donne con gravidanza fisiologica di tutto il distretto e dei territori limitrofi

 
 

Il Percorso Nascita

L’Azienda USL di Modena ha realizzato e distribuito sul territorio un memo che, trimestre dopo trimestre, ricorda le visite e gli esami da effettuare e fornisce informazioni sul Percorso Nascita. Sono numerosi i professionisti coinvolti per offrire a ogni mamma un’assistenza personalizzata: ostetriche, ginecologi e psicologa sono disponibili sin dal primo contatto al Consultorio. Qui vengono effettuate visite ed ecografie, consulenze e incontri informativi, fino al momento del passaggio all’Ambulatorio gravidanza a termine presso il Punto Nascita, che prosegue con la valutazione clinica e poi con l’assistenza al parto e nelle successive 48 ore. Al rientro a casa e nei primi 100 giorni di vita del bambino, Consultorio e Pediatria di Comunità offrono le cure in puerperio, consulenze e sostegno all’allattamento, mentre attraverso il Pediatra di libera scelta si avvia il percorso presa in carico che proseguirà lungo tutta l’età infantile.

 
 
 

Mirandola, l'open day del percorso nascita su TRC Modena

 
 
 

[6 ottobre 2018]

Ultimo aggiornamento: 08 Ottobre 2018