Home

Condividi

Vignola, appalto da 760mila euro per il Punto unico di prenotazione e assistenza di base dell’Azienda USL

Pubblicato il bando di gara per trasferire all’interno dell’ospedale diversi servizi rivolti ai cittadini

È stato pubblicato nei giorni scorsi il bando di gara per l’affidamento dei lavori di realizzazione del nuovo Sportello unico per l’accesso alle prestazioni (Punto unico di prenotazione e assistenza di base e accettazione ospedaliera) e della nuova Farmacia ospedaliera dell’Ospedale di Vignola.

 

Le opere, dell’importo complessivo di oltre 760mila euro e della durata di 9 mesi, interesseranno parte del Corpo 2. Qui troveranno spazio i servizi oggi ospitati all’interno del locale di via XXV aprile, la cui dismissione era iniziata già nell’aprile del 2017 con il trasferimento della sede del Servizio di Continuità Assistenziale all’interno dell’ospedale. Oltre al Punto unico di prenotazione e assistenza di base, il nuovo Sportello unico integrerà anche la funzione di Punto di prima accoglienza ospedaliera (PdA), razionalizzando e ottimizzando gli spazi a vantaggio dei cittadini. La nuova sistemazione interesserà una superficie complessiva di oltre 900 mq, con l’obiettivo di migliorare l’accessibilità e l’accoglienza degli utenti, grazie anche a una nuova area di ingresso.

Durante i lavori i servizi oggi presenti nell’area di cantiere (Farmacia e Accettazione ospedaliera) saranno temporaneamente collocati al piano primo dell’Ospedale. Così come le associazioni di volontariato, quale ad esempio AMIVV con l’ambulatorio di terapia iniettoria, che continueranno a garantire il loro operato in altri ambulatori messi a loro disposizione.

“I cittadini e gli operatori avranno a disposizione un Punto unico di prenotazione accogliente sia per quanto riguarda gli spazi di attesa che per comfort ambientale - dichiara il Direttore del Distretto di Vignola Maria Pia Biondi -. La nuova sede ci permetterà anche di implementare tecnologie per modernizzare il servizio al pubblico, come ad esempio nuovi totem e sistemi digitali per agevolare l’accesso”.

 
 

[30 ottobre 2018]

Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2018