Home

Condividi

Nell'Alto Frignano mezzo milione di euro per strutture socio-sanitarie

L'investimento riguarderà il Centro polifunzionale di Riolunato e la Casa della Salute di Pievepelago, che si arricchisce di nuovi servizi: al via ambulatorio dedicato alle demenze e pediatria

La Casa della Salute di Pievepelago sarà oggetto di un intervento di miglioramento ed ampliamento che porterà in quella sede anche più servizi ai cittadini. Il progetto di ristrutturazione è stato reso possibile dalla partecipazione a bandi europei per lo sviluppo delle strutture polifunzionali socio-assistenziali promossi dalla Regione Emilia Romagna, che hanno già permesso, in provincia di Modena, significativi interventi sulle strutture di Fanano e Guiglia.

 

L’intervento sarà anticipato dall’attivazione, il prossimo 19 febbraio, del servizio di Geriatria e disturbi cognitivi, e da quello di Pediatria che prenderà il via il 7 marzo. I nuovi servizi integrano l’offerta esistente a vantaggio dei cittadini dell’Alto Frignano: sono infatti già attivi alla CdS di Pievepelago il servizio dialisi - funzione importante anche per i turisti con problematiche nefrologiche che proprio per questo scelgono il territorio di Pieve -, centro prelievi, ambulatorio infermieristico, assistenza domiciliare, consultorio, pediatria di comunità, salute mentale, ambulatorio cardiologico, ortopedico, diabetologico, fisiatra e fisioterapista presenti in giorni e orari tali da garantire l'assistenza a tutti i cittadini. A lavori terminati, oltre ad un restyling completo dell'accesso alla struttura, troverà spazio nella Casa della Salute anche l'assistenza socio-sanitaria; a disposizione anche nuovi ambienti per le Associazioni di Volontariato, con l’obiettivo di una crescente integrazione tra servizi diversi, valore aggiunto per la Comunità.

Anche il Centro polifunzionale di Riolunato (già oggi sede di attività mediche e odontoiatriche) si arricchirà di nuovi spazi, destinati allo sportello sociale e ad attività per famiglie, persone con disabilità e anziani (in-formativo-educative e ludiche), a rafforzare ancora una volta la necessità di sinergia tra l’ambito sanitario e quello socio-assistenziale.
    
Nuove Case della Salute sorgeranno infine su tutta la provincia di Modena nel prossimo biennio, per un investimento complessivo di circa 27 milioni di euro tra fondi dell’Azienda USL di Modena e finanziamenti regionali ed europei.

 
 

Nuovi servizi a Pievepelago dedicati a bambini e anziani

Da martedì 19 febbraio, presso la Casa della Salute di Pievepelago, sarà attivo l’ambulatorio dedicato alle cronicità, con particolare riferimento ai disturbi cognitivi e alle demenze, un servizio fondamentale in un territorio, con un alto tasso di incidenza di queste patologie (6,1 ogni 1000 abitanti, dato 2017). Il geriatra, che sarà presente con cadenza quindicinale con orario aggiuntivo rispetto all’attività attualmente in essere nel Distretto, opererà con l’eventuale supporto dell’ambulatorio infermieristico della Casa della Salute. Per accedervi sarà necessaria la richiesta del Medico di medicina generale. Il nuovo servizio dell’Azienda USL rappresenta una risposta importante per le necessità dei cittadini in età geriatrica del territorio montano, in linea con il Percorso diagnostico terapeutico assistenziale per le demenze recentemente approvato dalla Regione Emilia-Romagna.

Prenderà il via dal 7 marzo, infine, un altro nuovo servizio, da molti anni atteso in questo territorio e per il quale l’Azienda aveva assunto l’impegno a trovare risposta, che ha come target la salute dei più piccoli: tutti i giovedì un Pediatra sarà a disposizione delle famiglie per consulenze e visite.

 

[16 febbraio 2019]

Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio 2019