Home

Zanzara tigre, zanzara comune e pappatacio

 
 

ZANZARA TIGRE (Aedes albopictus)

La zanzara tigre è un insetto molto aggressivo che punge soprattutto nelle ore più fresche della giornata, al mattino presto e al tramonto. Si distingue molto bene dalla zanzara comune per la tipica livrea “tigrata". L’adulto di zanzara tigre, infatti, ha un corpo nero con striature bianche su capo, torace, addome e zampe.

 
  • Stagione di attività: da aprile a ottobre
  • Siti di riproduzione: tombini, piccole raccolte d'acqua pulita, in zone ombreggiate, nelle aree abitate dall'uomo
  • Numero di uova deposte: 350-450 nel corso di 6-7 cicli
  • Ciclo biologico vitale in quattro stadi: uovo-larva-pupa-adulto
  • Durata del ciclo biologico vitale: in estate 6-8 giorni
  • Dimensioni della zanzara tigre adulta: tra i 4 e i 10 mm
  • Raggio di volo della zanzara tigre adulta: circa 30-50 metri
  • Luogo e periodo di attività: prevalentemente all'esterno delle abitazioni, soprattutto in zone ombreggiate, durante il giorno
  • Fattori di attrazione: colori scuri degli indumenti e odori emanati dal corpo
  • Come supera l'inverno: con uova “diapausanti”, cioè l'uovo deposto dalla femmina al sopraggiungere dei primi freddi che ha la caratteristica di non schiudersi immediatamente, come invece fanno durante il perdioso primaverile ed estivo. Le uova diapausanti possono resistere anche a basse temperature di diversi gradi sotto allo zero.
 

Nonostante possa pungere uccelli, rettili e perfino anfibi, la femmina di zanzara tigre attacca preferibilmente l’uomo procurando gonfiori e irritazioni fastidiose.

 
  1. Zanzara tigre e i rischi per la salute
 

ZANZARA COMUNE (Culex SPP)

La zanzara comune è un piccolo insetto di colore marroncino, la cui grande caratteristica è il ronzio che emette quando si avvicina per pungere, a differenza della zanzara tigre che è silenziosa. E' attiva prevalentemente di sera e di notte, soprattutto all’interno di ambienti chiusi. Il centro di sviluppo di questa specie è rappresentato dalle raccolte di acque stagnanti ricche di sostanza organica e, in ambiente urbano, dalle caditoie, dai bidoni o da altri contenitori che vengono condivisi con la zanzara tigre.

 
  • Stagione di attività: da marzo a novembre
  • Siti di riproduzione: tombini, fontane, fossi con acqua ferma, acque di scarico e stagnanti (quindi anche in zone non abitate)
  • Numero di uova deposte: 200-300
  • Ciclo biologico in quattro stadi: uovo-larva-pupa-adulto
  • Durata del ciclo: in estate 6-7 giorni
  • Dimensioni della zanzara comune adulta: tra i 5 e 7 mm
  • Raggio di volo della zanzara comune adulta: poche centinaia di metri
  • Luogo e periodo di attività: anche all'interno delle abitazioni, prevalentemente nelle ore serali e notturne
  • Fattori di attrazione: anidride carbonica prodotta dalla respirazione
  • Come supera l'inverno: la zanzara adulta cerca rifugio all'interno delle abitazioni in ambienti riparati, tepidi, umidi (es. locali caldaie, scantinati)
 
  1. Zanzara comune e rischi per la salute
 

PAPPATACIO (Flebotomo)

Il pappatacio è un piccolo insetto molto simile alla zanzare comune sia per le caratteristiche fisiche che per le abitudini. E' lungo 2-3 mm e dotato di ali piuttosto grandi e zampe molto sottili. Una caratteristica che ci permette di distinguerli dalle zanzare è il fatto che non emettono alcun ronzio ma sono estremamente silenziosi E' un insetto da non sottovalutare, responsabile della leishmaniosi canina, una malattia che nell'uomo si presenta con sintomi lievi e poco gravi ma che nei cane può  risultare letale.

 
  • Stagione di attività: mesi estivi (giornate calde e umide)
  • Siti di riproduzione: ambiente umido e ricco di materiale organico (crepe e buche nel terreno o in vecchi edifici, tane di animali e radici di alberi, raccolte degli sfalci)
  • Numero di uova deposte : 30-70
  • Ciclo biologico in quattro stadi: uovo-larva-pupa-adulto
  • Dimensioni del pappatacio adulto: tra i 2 e 3 mm
  • Durata del ciclo: in estate 30-60 giorni
  • Raggio di volo del pappatacio adulto: 100-200 metri
  • Periodo di attività: soprattutto ore serali e notturne
  • Fattori di attrazione: anidride carbonica prodotta dalla respirazione
  • Come supera l'inverno: diapausa invernale come uovo o come larva al quarto stadio
 
  1. Pappataci e rischi per la salute
Ultimo aggiornamento: 30 Maggio 2019