Home

Condividi

Ospedale di Carpi: prosegue la riorganizzazione. Dalla Regione 10 ventilatori per la Terapia intensiva

Già in funzione nelle nuove aree dedicate ai pazienti più gravi. Il messaggio del Pronto soccorso: corretti comportamenti dei cittadini devono andare di pari passo con nostro lavoro

10 ventilatori polmonari inviati dalla Regione Emilia-Romagna a Carpi per il potenziamento dei posti in Terapia Intensiva: prosegue la riorganizzazione dell’Ospedale Ramazzini, con la realizzazione di aree riservate al ricovero dei pazienti positivi che non necessitano di centralizzazione negli Ospedali di Modena.

Aree del Ramazzini sono state differenziate in base alla tipologia di assistenza: una per i pazienti più gravi presso la Rianimazione, che ha raddoppiato i suoi posti letto anche grazie alle nuove strumentazioni arrivate dalla Regione, e un’altra per i pazienti che invece non necessitano di assistenza respiratoria, al primo piano presso l’area Medicina2-Neurologia. Al contempo, la Medicina 1 è stata dedicata all’isolamento dei casi sospetti in attesa di conferma diagnostica, mentre un’altra area è per il ricovero di cittadini che abbiano sintomatologia e siano contatti stretti di persone covid-19 positive. Negli ambienti della Medicina d’Urgenza vi sono letti per l’isolamento dei pazienti in fase diagnostica in carico al Pronto soccorso e per pazienti positivi che necessitano di ventilazione non invasiva.

Sono state infine individuate aree per tutti gli altri pazienti, negativi al coronavirus. Anche l’area materno-infantile ha definito all’interno delle unità operative percorsi dedicati all’assistenza di eventuali pazienti con sintomatologia sospetta.

 

“È fondamentale garantire percorsi protetti all’interno dell’ospedale – chiarisce Stefania Ascari –. La riorganizzazione cambia di giorno in giorno per rispondere al meglio al bisogno di assistenza dei cittadini del nostro distretto, ciò è possibile grazie alla presenza di una rete solida e fortemente integrata su tutta la provincia che ci consente di curare i pazienti nelle strutture il più possibile adeguate alla gravità di ciascun caso”.

 

Il pre-triage in Pronto soccorso consente di differenziare ulteriormente i percorsi visto l’aumento dei casi covid-19 positivi e la forte affluenza di cittadini che comunque accedono con sintomi respiratori. “Vorrei a tal proposito ricordare – precisa Chiara Pesci, direttrice del Pronto Soccorso e Medicina d’Urgenza di Carpi – di non accedere al PS in presenza di febbre, tosse, raffreddore ma di chiamare il proprio medico di base o, nei casi più gravi, direttamente il 118. I corretti comportamenti dei cittadini devono andare di pari passo con il nostro lavoro incessante al fine di garantire a tutti la migliore assistenza possibile”.

 

Continua infine la campagna straordinaria realizzata dall’Azienda USL di Modena all’interno dell’Ospedale Ramazzini di Carpi, che ha permesso di individuare, dall’inizio dell’epidemia ad oggi, 38 positività tra gli operatori sanitari, con l’obiettivo di limitare il più possibile il rischio di ulteriore diffusione. Ad oggi, gli operatori carpigiani, come quelli di tutta l’Azienda, vengono seguiti direttamente dal Servizio di sorveglianza sanitaria AUSL che ha messo a punto percorsi dedicati sia per l’esecuzione veloce del tampone sia per l’accompagnamento dei casi sospetti e confermati di coronavirus.

 

[21 marzo 2020]

Ultimo aggiornamento: 23 Marzo 2020