Home

Condividi

Le Case Residenza Anziani mai lasciate sole

Formazione continua e consulenze di geriatri, infettivologo e Igiene Ospedaliera: le azioni messe in campo dall’Ausl per le CRA. E a tutela degli operatori sanitari via ai test sierologici per individuare eventuali positività

Le Case Residenza Anziani non sono mai state lasciate sole dall’Azienda USL di Modena, che sta garantendo quotidianamente il contatto tramite un’équipe multidisciplinare ed è in costante collaborazione con gli Uffici di Piano. Non tutte le strutture, peraltro, hanno segnalato situazioni di ospiti o operatori con sintomi sospetti risultati poi positivi al covid, ad oggi risultano 19 le strutture con casi risultati positivi, su oltre 50 in provincia. Da subito l’AUSL ha accolto la richiesta della Regione di supportare tutte le CRA e ha elaborato un piano che prevede le seguenti azioni, tutte già in corso.

 

Attivazione di un’équipe aziendale a disposizione delle singole strutture per consulenze dedicate

  • Esecuzione delle indagini sui contatti stretti da parte degli epidemiologi AUSL
  • Infettivologi, epidemiologi, igienisti ospedalieri hanno effettuato specifici interventi nelle CRA e momenti di formazione agli operatori (sez. formazione)
  • Attivazione di geriatri per il supporto specialistico, anche con ore aggiuntive e progetti di telemedicina, e consulenze in relazione all’appropriatezza delle cure in base ai livelli di complessità presenti
  • Attivazione dei palliativisti per i pazienti che necessitano di questo tipo di assistenza; uno specifico percorso formativo e organizzativo si è concentrato sull’attuazione del modello di erogazione diffusa delle cure palliative nelle stesse strutture.
 

Individuazione dei casi positivi

  • Piano di tamponi sugli operatori con sintomi, già in corso tramite la Sanità pubblica sin dall’inizio dell’emergenza: 177 quelli effettuati, 95 i casi positivi aggiornati alla data di oggi.
  • Screening sierologico su tutti gli operatori, avviato da subito: dal 2 aprile sottoposti a screening già 378 operatori, sulla base dei turni di servizio.
  • Piani di tamponi sugli ospiti sulla base dell’osservazione quotidiana, puntuale, dei pazienti da parte delle strutture stesse. Ad oggi risultano all’Azienda USL 282 casi confermati all’interno delle CRA della provincia di Modena, su oltre 500 tamponi effettuati, e 58 i decessi di persone covid-19 positive.
  • Supporto nella progettazione e creazione di aree separate per la migliore assistenza agli ospiti sospetti, a quelli positivi al coronavirus e per salvaguardare quelli non positivi, potenziando il lavoro per nuclei
 

Personale

  • L’AUSL ha fornito a tutte le CRA gli elenchi delle agenzie interinali per supportarle nella sostituzione del personale, ha chiesto alla propria agenzie di selezionare operatori anche per le CRA, ha mappato un fabbisogno di infermieri da acquisire tramite la Protezione Civile
  • I primi due infermieri inviati dalla Protezione Civile sono stati indirizzati a una CRA
  • Incremento delle presenze del medico sulla base delle criticità individuate su alcune strutture
 

Dispositivi di protezione

  • Sono stati distribuiti costantemente dispositivi di protezione a integrazione di quanto disposto dalle direzioni sanitarie delle CRA (vedi dati)  
 

Formazione

  • Tre giornate frontali di formazione (a marzo) per tutte le strutture del territorio. Altre due videoconferenze (3 e 8 aprile) per garantire l’aggiornamento con infettivologi ed esperti in igiene ospedaliera (applicazione normative, misure di igiene personale, collettiva e degli ambienti, isolamenti dei pazienti e strategie per la corretta gestione degli ospiti), utilizzo e tipologie dei DPI con video su vestizione e svestizione.
  • Videoconferenze ed interventi specifici su alcune strutture in base alle situazioni riportate dalle direzioni sanitarie delle strutture stesse o dal direttore di distretto (es: Augusto Modena, Francesco e Chiara, Villa Pineta, Stradi, Castiglioni, Villa Richeldi, Carpine, ecc)
 

Come è stato più volte ribadito, gli interventi hanno avuto come obiettivo quello di limitare la diffusione del contagio nelle strutture in cui è stato riscontrato.

Ma sin dall’inizio dall’epidemia, seguendo le linee guida nazionali e regionali, l’Ausl ha inviato alle CRA tutte le indicazioni in linea con le normative, come la limitazione degli accessi dei parenti in visita e l’applicazione delle misure di sicurezza tra cui il lavaggio delle mani, l’utilizzo delle mascherine per eventuali ospiti sintomatici e il distanziamento.

La situazione di queste strutture è difficile e complessa, e quanto è stato disposto dall’AUSL è stato costruito con le CRA e da esse accolto con la massima collaborazione. Le polemiche strumentali dei sindacati sono smentite dai fatti, l’Azienda sanitaria chiede più rispetto dei professionisti coinvolti a vario titolo nella gestione dell’emergenza, ma anche dei cittadini che si trovano disorientati da informazioni parziali che non trovano riscontro nella realtà.

 

I Dispositivi forniti dall’AUSL a integrazione delle scorte delle CRA nell’ultimo mese (periodo 11 marzo-6 aprile)

Mascherine (tra chirurgiche, FFP2): 16.930
Occhiali e visiere (varie tipologie): 638
Camici e tute (varie tipologie): 5270
Copriscarpe e gambali: 6800
Copricapi: 6620

Si aggiungono a questi i dispositivi procurati dalla Protezione Civile e dalla Regione Emilia-Romagna e consegnati direttamente alle CRA, in particolare ben 73000 mascherine chirurgiche.

 

[6 aprile 2020]

Ultimo aggiornamento: 07 Aprile 2020