Home

Condividi

Un parco mezzi sempre più “green”. In arrivo altre biciclette per i dipendenti AUSL

Saranno utilizzate su tutto il territorio provinciale: si aggiungono alle 10 bici consegnate in precedenza. Mariangela Tufano, Mobility Manager: “Continua il nostro impegno sulla mobilità sostenibile e il contrasto allo smog”

Un parco mezzi sempre più ecologico per l’Azienda USL di Modena. Si arricchisce di altre dieci biciclette l’equipaggiamento a disposizione dei dipendenti che hanno necessità di percorrere brevi tragitti per spostarsi da una sede all’altra o raggiungere i pazienti per le cure a domicilio. Dopo le 10 bici consegnate l’anno scorso, gli stessi operatori sanitari hanno espresso la loro grande soddisfazione per il servizio messo a disposizione dall’Azienda, che agevola non di poco gli spostamenti, specialmente dove è più scomodo usare l’automobile. ‘Brandizzate’ con il logo Ausl, le nuove bici sono state consegnate su tutto il territorio, da Mirandola a Pavullo. Il rafforzamento del parco mezzi va nel solco di una politica aziendale orientata a una mobilità sempre più sostenibile, a vantaggio dell’ambiente e della salute, in linea con le indicazioni che, anche a livello nazionale, promuovono l’utilizzo della bicicletta nella fase post-emergenza covid.

 
 

“E’ stata una iniziativa molto gradita dai dipendenti: il personale ha apprezzato da subito l’arrivo delle prime biciclette finanziate con fondi interni, ci ha incentivato su un ulteriore acquisto e quindi ci siamo subito adoperati per aumentare la dotazione - spiega Mariangela Tufano, Mobility manager dell’Azienda USL di Modena -. Ci sono situazioni in cui l’uso dell’auto può essere difficoltoso o addirittura superfluo: penso, per esempio, agli infermieri che vanno a fare i prelievi a domicilio in centro storico, ma anche ai dipendenti che sono impegnati su più sedi distanti pochi minuti l’una dall’altra. L’Azienda USL punta molto sulla mobilità sostenibile e al contrasto all’inquinamento atmosferico e anche in futuro lavoreremo per incentivare ulteriormente questa visione”.

 
 

[14 giugno 2020]

Ultimo aggiornamento: 16 Giugno 2020