Home

Condividi

Smettere di fumare “a distanza”: funziona l’innovativo percorso motivazionale

Soddisfacente il primo bilancio del corso online organizzato dall’Ausl. Il direttore del Progetto Fumo Bigarelli: “È il primo esperimento di questo tipo in provincia. L’idea è di replicare in autunno affiancando appuntamenti in presenza”

È il primo corso del suo genere in provincia di Modena e i risultati ne confermano l’utilità e l’apprezzamento da parte dei partecipanti. Si è tenuto nei giorni scorsi il ‘Percorso motivazionale per smettere di fumare’ a distanza, nel rispetto delle norme Covid: l’iniziativa è stata attivata dalla rete dei Centri Antifumo dell’Azienda USL, nell’ambito del Progetto Fumo diretto dal dottor Massimo Bigarelli.

Pasquale Coco

Il corso – ideato e condotto da Pasquale Coco, operatore del Centro Antifumo, e che si avvalso di consulenze mediche e dietologiche – si è tenuto a distanza due volte alla settimana (otto gli incontri complessivi) e ha ottenuto ottimi riscontri. Cinque persone hanno iniziato e mantenuto l'impegno nel percorso: un numero ritenuto ottimo dagli organizzatori, specialmente perché permette di seguire e coinvolgere in maniera attiva i singoli partecipanti. Conclusa questa prima sperimentazione, il percorso motivazionale per combattere la dipendenza dal fumo verrà riproposto con tutta probabilità in autunno.

 
Massimo Bigarelli

“C’è grande soddisfazione per come è andato e l’idea è di proseguire con queste modalità anche in autunno, magari affiancando anche corsi in presenza - dichiara il dottor Bigarelli -. Inizialmente le persone che avevano mostrato interesse per questa modalità innovativa erano state dieci, purtroppo però la tecnologia dei collegamenti informatici non ha permesso a cinque di loro di iniziare il percorso. Abbiamo comunque verificato che il numero di iscritti che possono fare parte di questo tipo di gruppo a distanza può essere più corposo, fino almeno a 10 partecipanti”.

 
 

[8 agosto 2020]

Ultimo aggiornamento: 11 Agosto 2020