Home

Condividi

Casa della Salute di Formigine, sopralluogo per l’inizio dei lavori

Alla visita hanno partecipato Maria Costi, sindaco di Formigine, la direttrice del Distretto sanitario di Sassuolo Federica Ronchetti e il direttore dei Lavori Marco Scabbia. L’intervento dell’impresa aggiudicataria durerà circa cinque mesi

Si è svolto questa mattina il sopralluogo nel cantiere della nuova Casa della Salute – Polo Infanzia di Formigine, presso la sede di Villa Bianchi a Casinalbo, in occasione della partenza dei lavori.

Alla visita hanno partecipato Maria Costi, sindaco di Formigine, la direttrice del Distretto Sanitario di Sassuolo Federica Ronchetti e il direttore dei Lavori dell’Azienda Usl di Modena Marco Scabbia. E’ stata l’occasione per visionare l’area accantierata dall’impresa aggiudicataria che ha iniziato la predisposizione dei vari interventi a metà agosto.  La durata del cantiere è stimata in circa cinque mesi (150 giorni naturali e consecutivi) e prevede un investimento di 510mila euro interamente a carico dell’Ausl. 

La Casa della salute di Formigine sarà sviluppata su due nuclei: uno dedicato all'infanzia e alle famiglie, mentre l'altro polo di servizi e opportunità, che avrà sede presso l'attuale poliambulatorio Ausl di Formigine, sarà rivolto alle classi di età avanzata e alle persone fragili, a garanzia della gestione delle cronicità per tutta la popolazione adulta e anziana e con la presenza dell’ambulatorio infermieristico che si è dimostrato di fondamentale importanza per il territorio formiginese.

 
 

Nello specifico, a cantiere ultimato, presso Villa Bianchi troveranno spazio i Pediatri di libera scelta riuniti in un ambulatorio di gruppo, la Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza, con un particolare orientamento alla presa in carico delle disabilità, e alcuni servizi di Consultorio e Pediatria di Comunità come i corsi nascita e allattamento e il monitoraggio delle cronicità in infanzia. Verrà dunque garantita l’attività di consulenza per i casi più complessi di disabilità, con l’obiettivo di creare un nucleo operativo multidisciplinare assieme ai Pediatri di libera scelta e percorsi di supporto per i futuri genitori nei casi di diagnosi prenatale di disabilità. Si favorirà la presa in carico con accompagnamento fino al progetto di vita futura adulta al passaggio del diciottesimo anno d'età; sarà attivo un punto di ascolto e counseling per le famiglie con persone disabili. A Villa Bianchi sono già attivi diversi servizi del Comune di Formigine tra cui il Centro per le Famiglie e la Ludoteca.

(Nella foto: da sinistra Federica Ronchetti, Marco Scabbia e Maria Costi)

“Il sopralluogo di oggi rappresenta l’avvio concreto dei lavori per la nuova Casa della Salute che ci permetterà di garantire una presa in carico globale del bambino e della sua famiglia – dichiara la Direttrice del Distretto Sanitario di Sassuolo, Federica Ronchetti -. Si tratta di un progetto che sta particolarmente a cuore all’Azienda Usl di Modena e al Comune. Ultimati questi lavori la comunità di Formigine avrà finalmente la sua Casa della Salute, organizzata su due poli, e più servizi per i cittadini di questo territorio".

 
 

[9 settembre 2020]

Ultimo aggiornamento: 10 Settembre 2020