1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Ausl Modena - Testata per la stampa
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Linkedin
  4. YouTube

Contenuto della pagina

Il territorio

La provincia di Modena si estende su una superficie di 2.683 kmq, ed è al terzo posto, per ampiezza, in Emilia Romagna, al 31/12/2007 vi abitano 677.672 persone con una densità di 252,6 abitanti per kmq. Il territorio è sviluppato in direzione nord-sud, si estende dall'Appennino Tosco-Emiliano fino alla Pianura Padana lambendo il fiume Po. 

In relazione alla conformazione del territorio, la conseguente suddivisione in zone altimetriche è la seguente:

- Pianura: 1.273 kmq, pari al 47,4% del territorio complessivo; vi risiedono 491.611 abitanti (72,5% della popolazione modenese) con la più elevata densità abitativa di 386,2 abitanti per kmq;

- Collina: 463 kmq, il 17,3% del territorio complessivo; risiedono in questa zona 138.352 abitanti (20,5% della popolazione modenese), mediamente 299 abitanti per kmq;

- Montagna: 947 kmq, il 35,3% dell'intero territorio provinciale; i residenti sono 47.709 (7% dei residenti modenesi) con una densità abitativa di 50,4 abitanti per kmq;

Da un punto di vista amministrativo, il territorio provinciale aggrega 47 Comuni, di cui 23 situati in Pianura, 10 in Collina e 14 in Montagna, oltre a 3 Comunità Montane.

 
 

 
 
 
L'Azienda Sanitaria, considerando le complesse caratteristiche, ha stabilito la propria organizzazione territoriale in 7 Distretti sanitari: 

Carpi, comprendente 4 comuni tutti ubicati in Pianura;

Mirandola, formato da 9 comuni anch'essi tutti ubicati in Pianura;

Modena, coincidente con il comune capoluogo di Provincia ed ubicato in Pianura;

Sassuolo, con 8 comuni di cui 1 in Pianura, 4 in Collina e 3 in Montagna;

Pavullo nel Frignano, formato da 10 comuni di cui 1 in Collina e 9 in Montagna;

Vignola, formato da 9 comuni di cui 2 in Pianura, 5 in Collina e 2 in Montagna;

Castelfranco Emilia, con 6 Comuni tutti situati in Pianura.
 

 
 

La mobilità

La dotazione di infrastrutture viarie è molto sviluppata, in particolare per quanto riguarda il trasporto stradale: la rete stradale ordinaria è caratterizzata da una serie di corridoi di attraversamento del territorio provinciale in senso Est-Ovest corrispondenti: alla Cispadana, alla Carpi - Ravarino, alla Via Emilia ed alla Pedemontana, che raccordano la provincia di Modena con quelle confinanti di Reggio Emilia e Bologna e sono collegate con le arterie che la attraversano da Nord a Sud. La città di Modena è quasi sempre toccata da questa rete viaria rappresentando quindi il centro di una virtuale raggiera di strade in direzione di Carpi e Mantova, di Mirandola e Verona, di Nonantola e Ferrara, di Vignola e dell'Appennino Orientale, di Pavullo e Lucca, di Sassuolo e dell'Appennino occidentale.

La provincia di Modena è inoltre interessata da due importanti tratte autostradali: la Milano-Bologna (A1), che la attraversa in senso longitudinale, e quella del Brennero (A22) che proviene da Nord e si inserisce in prossimità della città di Modena nell'A1.

Queste direttrici stradali trovano corrispondenza in due rami ferroviari sostanzialmente ad esse paralleli, vale a dire la linea Milano-Bologna e la linea Bologna-Modena-Brennero. Il trasporto ferroviario è completato da 3 ferrovie locali, che percorrono rispettivamente le tratte Modena-Sassuolo, Sassuolo-Reggio Emilia e Vignola-Bologna.

 
                                              

Menu di sezione