1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Ausl Modena - Testata per la stampa
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Linkedin
  4. YouTube

Contenuto della pagina

L'impatto sul contesto territoriale

 
Questa parte del documento, dedicata tradizionalmente all'analisi di tre aspetti, quello economico, quello sociale e quello culturale, si è arricchita già da alcuni anni di nuovi contenuti, volti a dare conto di quanto fatto in tema diimpatto ambientale. Con "impatto ambientale" si intende l'insieme degli effetti causati da un evento, un'azione o un comportamento sull'ambiente nel suo complesso (non necessariamente ambiente naturale). L'impatto ambientale - da non confondere quindi con inquinamento o degrado - mostra quali effetti può produrre una modifica, non necessariamente negativa, all'ambiente circostante inteso in senso lato (sociale, economico, ecc.). Si cerca cioè di prevedere quali saranno i costi ed i benefici (valutati in termini strettamente monetari) nel caso in cui si verifichino delle modifiche di uno stato di fatto.
Si tratta di ambiti non direttamente legati alle finalità istituzionali dell'Azienda USLdi Modena, che però hanno riflessi significativi sulle attività svolte dall'Azienda stessa.
 
Gli Enti pubblici generalmente incidono sul tessuto socio-economico di una comunità in modo rilevante, soprattutto in aree che non hanno raggiunto e consolidato un vero e proprio sviluppo e sono prive quindi di un tessuto industriale o commerciale in linea con quello sviluppatosi in altre parti del Paese; si tratta di un principio che, sia pure con dinamiche differenti, è riproponibile anche in zone economicamente più avanzate.
 
Esemplare è l'impatto dell'attività dell'Azienda Sanitaria in provincia di Modena. In modo schematico si può affermare che numero, complessità e continuità dei processi di lavoro diretti a tutelare il bene primario della salute comportano:
 
- una massiccia presenza di risorse umane all'interno delle strutture aziendali impegnate nell'erogazione diretta di prestazioni sanitarie o nelle attività di supporto ad esse, tale da collocare l'Azienda Sanitaria ai vertici, in termini occupazionali, nel territorio di riferimento; relativamente a questo tema, si rinvia al capitolo 4, che traccia la "carta di identità" del personale;
 
- elevati volumi di beni durevoli o consumabili e servizi acquisiti da fornitori esterni, destinati ad essere immessi nei processi produttivi;
 
- altrettanto elevati volumi di acquisti di prestazioni sanitarie "finite" da produttori pubblici e privati (altre Aziende Sanitarie, Ospedali e Centri privati, RSA,Comunità terapeutiche, Farmacie pubbliche e private, Sanitarie, ecc.), a completamento dei servizi direttamente erogati.
 
Essendo la tutela della salute un obbligo istituzionale delle Aziende Sanitarie, queste ultime si trovano ad interagire con il tessuto economico e sociale del territorio sul quale insistono, e sovente la cosiddetta "società civile" si fa promotrice di azioni volte al miglioramento dei servizi sanitari erogati, mettendo a disposizione delle Aziende denaro, beni materiali, know how ed altre utilità anche di tipo immateriale.
 
Gli Enti pubblici, infine, hanno spesso alle spalle una lunga storia, talvolta addirittura plurisecolare, nel corso della quale hanno ricevuto da benefattori lasciti e donazioni tali da determinare un patrimonio di opere d'arte, sia mobiliare che immobiliare, di notevole importanza.

 
Analizzeremo quindi di seguito quattro diversi aspetti:
 
- l'impatto economico
- l'impatto sociale
- l'impatto culturale
- l'impatto ambientale

 
 
 
                                                   

Menu di sezione