1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Ausl Modena - Testata per la stampa
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Linkedin
  4. YouTube

Contenuto della pagina

Impatto economico


Le risorse umane
In questo capitolo si approfondiscono solo due distinte aree:
- lavoratori stranieri
- lavoratori appartenenti alle categorie protette.
Per un'analisi puntuale delle risorseumane aziendali si rimanda alla sezione 4.
 

Lavoratori stranieri

I flussi di immigrazione da paesi che sono ormai da considerarsi comunitari (Polonia ed Ungheria sono entrati a far parte della UE dal 1 maggio 2004 mentre dal 2006 si sono unite anche Bulgaria e Romania) hanno più che colmato le carenze degli ultimi anni relativamente alle figure professionali sanitarie, come dimostra la tabella sottostante, che evidenzia, per l'anno 2009, un trend in controtendenza.

 
Anni
Intra UE
Extra UE
Totale Stranieri
Totale Azienda
% Stranieri
2004
57
37
94
5.518
1,70%
2005
46
91
137
5.768
2,38%
2006
72
217
289
6.343
4,56%
2007
295
34
329
6.284
5,24%
2008
265
35
300
6243
4,76%
2009
249
19
268
6.196
4,32%
 
 

Lavoratori appartenenti alle categorie protette


Relativamente al numero dei dipendenti aziendali occupati nell'ambito delle categorie protette, la tabella che segue sintetizza quanto realizzato.



Anno
Numero
2004
165
2005
165
2006
166
2007
173
2008
154
2009
213
 
 
Qualifica
Numero
categoria A
1
categoria B
56
categoria BS
35
categoria C
36
categoria D
51
categoria DS
18
medici
12
psicologi
3
veterinari
1
Totale
213


Nel 2009, rispetto all'anno precedente, è possibile notare un deciso incremento (circa38%), in controtendenza rispetto al decremento registrato nell'anno 2008. Per completezza di esposizione si analizza, relativamente all'anno 2009, la composizione per qualifica di coloro che sono occupati nell'ambito delle suddette categorie.

 
 

Le forniture di beni e servizi


Le Aziende Sanitarie, per raggiungere i propri fini istituzionali, oltre alle diverse tipologie di risorse umane di cui si è trattato e di cui si tratterà ulteriormente nella parte 4 del presente lavoro, acquisiscono un'ingente quantità di beni e servizi. I primi vengono immessi nel ciclo produttivo e sonodeterminanti per l'erogazione diretta delle attività sanitarie: possono essere sia beni di consumo (specialità medicinali, reagenti di laboratorio, lastre radiografiche, garze, siringhe, materiale impiegato in sala operatoria, carta per fotocopie, stampati, ecc.) sia beni durevoli (attrezzature biomediche, attrezzature informatiche, ecc.).
I servizi, invece, possono essere suddivisi in servizi di supporto alla produzione diretta (lavaggio e stiratura biancheria, produzione e somministrazione pasti ai degenti, sterilizzazione ferri chirurgici, pulizia locali, ecc.) ed in prestazioni sanitarie acquisite all'esterno ed erogate agli assistititi (degenze e prestazioni ambulatoriali presso altri soggetti pubblici e privati, ospitalità anziani presso centri residenziali e semiresidenziali, ecc.).
Le tabelle che seguono intendono evidenziare il numero dei fornitori di beni eservizi, suddivisi per macroclassi di tipologia di forniture nonché l'ammontare dei corrispondenti acquisti, che rappresentano un ulteriore contributo all'economia del territorio di riferimento e non soltanto di questo, in quanto le notevoli dimensioni raggiunte dall'Azienda e la complessità delle prestazioni erogate impongono l'instaurazione di rapporti economici con fornitori ubicati in tutto il territorio nazionale.


 

 
Numero fornitori esterni

Fornitori esterni
2004
2005
2006
2007
2008
2009
Farmacie private e comunali
158
158
170
181
217
231
Ambulatori privati accreditati
47
49
61
62
61
61
Ospedali privati
42
46
48
49
47
50
Istituti termali
20
20
21
22
25
24
Fornitori di presidi protesici e riabilitativi
158
159
182
208
193
188
Fornitori di beni per l'assistenza integrativa
37
36
34
26
20
20
Enti senza scopo di lucro
160
163
175
251
247
248
Altri fornitori di beni e servizi
1.704
1.732
1.812
1.889
1.859
1823
Aziende Sanitarie Locali ed Aziende Ospedaliere
38
40
60
65
53
69
Totale
2.364
2.403
2.563
2.753
2.722
2714
 

 
Valore forniture esterne (migliaia €)

Fornitori esterni
2004
2005
2006
2007
2008
2009
Farmacie private e comunali
115.148
114.436
117.365
115.449
113.899
115.187
Fornitori di servizi socio sanitari privati
13.345
14.073
16.814
18.532
19.628
21.229
Fornitori di servizi socio sanitari pubblici
30.189
32.657
34.482
37.998
40.248
42.462
Altri soggetti accreditati
9.351
9.353
10.673
10.663
10.945
11.059
Ospedali privati accreditati
72.492
80.505
107.689 *
115.063
117.940
123.528
Enti senza scopo di lucro
13.036
13.591
14.452
16.334
17.004
17.945
Altri fornitori di beni e servizi
192.287
198.087
210.505
304.653
447.056
451.391
Aziende Sanitarie Locali ed Aziende Ospedaliere
202.289
208.157
213.422
224.892
230.514
235.849
Totale
648.137
670.859
725.402
843.584
997.234
1.018.650
 

 Fonte: Azienda USL di Modena - Servizio Informativo Aziendale
* comprensivi dell'Ospedale Sassuolo S.p.A.
 

La tabella che segue evidenzia nel dettaglio come la maggioranza delle forniture richieste a soggetti sia pubblici che privati prediliga ancora una volta coloro che hanno sede all'interno del territorio provinciale.

 
Forniture esterne divise per residenza del fornitore (migliaia €)

Residenza del fornitore
2004
. %
2006
. %
2008
. %
2009
. %
in provincia di Modena
313.180
48,32
339.416
46,79
533.388
53,49
541.144
53,12
in regione Emilia Romagna
251.153
38,75
232.854
32,10
209.782
21,04
275.343
27,03
fuori regione Emilia Romagna
83.804
12,93
153.132
21,11
254.064
25,47
202.163
19,85
Totale
648.137
100,0%
725.402
100,0%
997.234
100,0%
1.018.850
100,0%

 
 
                                              
 

Menu di sezione