1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Ausl Modena - Testata per la stampa
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Linkedin
  4. YouTube

Contenuto della pagina

Impatto ambientale


 
L'azienda è impegnata in numerose azioni dal punto di vista ambientale, di cui ricordiamo le principali.
 

1- LIMITARE I CONSUMO DI ENERGIA

1.1- Avvio cogenerazione NOCSE
Avendo come obiettivo la riduzione della spesa corrente per energia elettrica e termica e contemporaneamente il minor inquinamento, è stato realizzato il progetto per installare un impianto di cogenerazione presso l'Ospedale di Baggiovara.
Il progetto prevede un impianto della potenza complessiva di 2 MWe costituito da due motori endotermici alimentati a gas naturale per la produzione combinata dienergia elettrica, acqua calda e vapore a servizio dell'ospedale. La procedura di gara, attualmente in corso, è stata realizzata in sinergia con l'Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena.
 
1.2- Gruppo di lavoro regionale sulla cogenerazione
L'Assessorato alla Sanità della Regione Emilia-Romagna ha istituito un gruppo di lavoro per favorire, nelle varie Aziende regionali, l'installazione di impianti di coogenerazione e rigenerazione. L'Energy Manager aziendale fa parte del citato gruppo.
 
1.3- Contratto di manutenzione novennale, impiantistica ed edile
Nell'appalto di manutenzione e conduzione degli immobili aziendali (bandito in sinergia conl'Azienda Ospedaliera di Modena) è stato inserito l'obbligo per l'impresa affidataria di redigere, per tutti gli edifici di competenza aziendale, la diagnosi e la certificazione energetica secondo le procedure previste dall'Attodi indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico approvato dalla Regione.
Il servizio, con decorrenza 01.01.2010, prevede inoltre:
- campagna di formazione del personale USL in relazione ai temi energetici;
- installazione di contabilizzatori di energia elettrica e termica per lo studio dei consumi dei reparti tipici.
 
1.4- Collaborazione alla definizione del corso E-learning finalizzato alla sensibilizzazione del personale aziendale al risparmio energetico
Nell'ambito del rapporto di collaborazione in atto con la Regione Emilia-Romagna, i tecnici dell'ufficio dell'Energy Manager dell'Azienda USL di Modena sono stati inseriti nel gruppo di lavoro che ha collaborato alla definizione dei contenuti di un corso E-learning, sviluppato dell'Assessorato alla Sanità della Regione Emilia-Romagna in collaborazione con ENEA, specificamente rivolto al personale sanitario, al fine di favorire la diffusione delle buone pratiche per l'uso razionale dell'energia.
 
1.5- Applicazione dell'Atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici (DGR. n. 1730/2007)
Il Servizio Tecnico Patrimoniale è certificato in qualità ed opera nella logicadel ciclo dell'immobile; tale logica prevede un unico ciclo virtuoso per gli interventi sul patrimonio immobiliare che vanno dalla progettazione, alla manutenzione, alla gestione dell'immobile.
Per ciascuna delle fasi in cui si articola il ciclo dell'immobile è stato pertanto introdotta apposita disciplina operativa; in particolare:
- per la fase di progettazione, l'obbligo, per i progettisti, di ottemperare ai requisiti di cui all'Atto di indirizzo e coordinamento (con l'introduzione di apposito capitolo nella relazione di progetto e puntuale verifica nei verbali di verifica evalidazione degli stessi);
- per gli interventi di manutenzione con l'emanazione di apposita Direttiva, per gli operatori, di attenersi alle indicazioni dell'Atto di indirizzo e coordinamento ogni qualvolta l'entità e la complessità dell'intervento da effettuare lo rendano opportuno;
- per la gestione immobiliare, prevedendo esplicita e cogente clausola nel disciplinare tecnico dell'appalto di affidamento della gestione tecnica immobiliare a terzo contraente.
È stato avviato il percorso per ottenere la certificazione in Qualità (norma UNI EN ISO9001:2000) del Servizio Tecnico Patrimoniale nel settore del rilascio delle Certificazioni Energetiche degli edifici (norma UNI TS 11300:2008).
 
1.6 - Formazione sui temi energetici
L'Energy Manager ed i periti termotecnici del Servizio Tecnico Patrimoniale hanno partecipato al corso di certificatore energetico superando l'esame finale.
 
 
 
2 - UTILIZZO DI FONTI RINNOVABILI

2.1 - Solare termico per la produzione di acqua calda sanitaria
Nel progetto del centro servizi di Baggiovara, in fase di completamento a fianco del NOCSE, è stato previsto un impianto solare termico per la produzione di acqua calda sanitaria. L'impianto è stato dimensionato per coprire almeno il 50% del fabbisogno.
 
2.2 - Utilizzo di energia elettrica prodotta da fontirinnovabili
L'adesione dell'Azienda al Consorzio "Idroenergia" e la conseguente fornitura di energia elettrica da fonte rinnovabile ha consentito all'Azienda USL di fregiarsi del marchio "Eaux de la Vallée Energia Pura". Infatti, il fornitore"Idroenergia", dalla primavera dell'anno 2005, ha iniziato una campagna stampa (su "Il Sole 24 Ore", "Repubblica". "l'Espresso" ecc.) per il lancio del marchio "Eaux de la Vallée Energia Pura", che può essere utilizzato dai propri soci/clienti e quindi anche dalla nostra Azienda.
Il marchio e logo, affissi agli ingressi delle strutture aziendali:
- certificano l'impiego di energia 100% idroelettrica, pulita e rinnovabile, proveniente da impianti situati in Valle d'Aosta,
- nascono per comunicare le scelte energetiche che contribuiscono a ridurre le emissioni di inquinanti e preservare l'ambiente,
- testimoniano pubblicamente la nostra scelta di valore: coniugare il risparmio e il rispetto dell'ambiente.
 

3 - ACQUISTO ENERGIA ALLE MIGLIORI CONDIZIONI ECONOMICHE

3.1 - Fornitura di energia elettrica
La gara per la fornitura di energia elettrica alle varie utenze di Amministrazioni Pubbliche (di carattere sanitario e non) per l'anno 2009, è stata effettuata ed aggiudicata a maggio 2008 da Intercent-ER.
Nel corsodel 2009, l'Azienda USL di Modena ha aderito alla Convenzione Intercent-ER perle utenze di salvaguardia, ovvero le utenze minori che non acquistavano l'energia "verde" attraverso il Consorzio Idroenergia.
Nell'ambito del rapporto di collaborazione in atto con la Regione Emilia-Romagna, i tecnici dell'ufficio dell'Energy Manager dell'Azienda USL di Modena sono stati inseriti nel gruppo di lavoro che ha collaborato alla definizione del bando per la fornitura di energia elettrica 2010, che verrà aggiudicato a ottobre 2009, fornendo un determinante contributo di informazione e supporto nella fase di preparazione degli elaborati di gara; successivamente, come avvenuto per la fornitura dell'anno 2009, fornirà un monitoraggio in modo costante dei suoi esiti e ricadute nel periodo di competenza.
Anche per quanto riguarda la fornitura di energia elettrica per l'anno 2010, la nostra Azienda non è stata vincolata all'adesione alla gara Intercent-ER in oggetto in quanto:
- sin dal 2002 tutte le principali utenze dell'Azienda USL di Modena sono fornite, attraverso l'adesione dell'Azienda al Consorzio di autoproduzione "Idroenergia" di Aosta,di energia elettrica di produzione certificata 100% da fonte rinnovabile. Oltre a questo essenziale aspetto ambientale, non vanno sottovalutati i termini economici della fornitura, fra i migliori offerti dal mercato, dato che le forniture di energia da fonte rinnovabile usufruiscono anche dell'esenzione dall'imposta erariale,
- per tali motivi l'andamento dei costi dell'energia della nostra Azienda verrà utilizzato come benchmarking rispetto alla fornitura Intercent-ER.
Viste le novità introdotte dalla AEEG (Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas), che ha ridisegnato gli scenari tariffari per le utenze di "salvaguardia" (cambiodelle tariffe, unico fornitore EXERGIA subentrato a ENEL ed in corso disubentro con le utenze HERA), l'Azienda, per le piccole utenze residuali non servite dal Consorzio Idroenergia, ha aderito alla convenzione Intercent-ER2009 ed aderirà a quella 2010.
 
3.2 Fornitura di gas naturale
La fornitura di gas naturale delle maggiori utenze aziendali è fatta tramite il consorzio di acquisto senza fini di lucro "Programma Energia" di Modena (la cuiadesione è stata autorizzata dalla Regione Emilia-Romagna).


4. GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI

Le politiche del Gruppo Regionale Gestione Ambientale per la gestione dei rifiuti in ambito sanitario, ha trovato, nell'ambito della Azienda, riscontro, in azioni di perfezionamento del processo, avviato nel 2006, attraverso la diffusione di protocollo Aziendale, specifico, sulla tematica della gestione dei rifiuti.

E' stata svolta una formazione e addestramento della gestione dei rifiuti, per consentire alle specifiche strutture territoriali e ospedaliere, di operare in modo integrato e secondo regole comuni.

In quest'ottica, il percorso avviato, è stato perfezionato, dalla istituzione del Gruppo Aziendale di Gestione Ambientale e Sviluppo Sostenibile. 

E' stato altresì avviato, il percorso per conseguire, attraverso l'ATO competente per territorio, il potenziamento della raccolta differenziata, per le strutture Aziendali.


 


 

 
                                                 

Menu di sezione