1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Ausl Modena - Testata per la stampa
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Linkedin
  4. YouTube

Contenuto della pagina

La rete provinciale per i traumi gravi

Incidentalità stradale in provincia di Modena
Incidentalità stradale in provincia di Modena

La rete provinciale di assistenza al trauma prevede che i traumi gravi siano centralizzativerso le strutture a maggiore offerta assistenziale direttamente dal territorio o trasferiti dagli ospedali periferici: per le persone adulte il centro provinciale di riferimento è l'Ospedale Civile di Baggiovara, mentre per i bambini e le gravide è il Policlinico di Modena.

Nel 2008 sono stati assistiti 298 traumi gravi e nel71% di questi la causa era riconducibile a incidenti da traffico. Nella nostra provincia i dati di mortalità per i traumi gravi sono da considerarsi molto positivi, legati all'attivazione, sin dal 2006, presso l'Ospedale Civile di Baggiovara del Trauma Team (TT).

La sopravvivenza a 1 mese per traumi gravi in provincia di Modena è del 93%, contro l'85% a livello internazionale. Il TT è un organismo che coordina tutte le attività connesse alla gestione del trauma grave, rappresentato da referentidi 11 reparti e servizi mirati alla gestione del paziente traumatizzato. Infatti, numerosi studi in letteratura hanno dimostrato che l'istituzione dei Trauma Centers e dei Trauma Systems ha comportato un incremento dei livelli di cura del paziente affetto da grave trauma, con una riduzione del numero delle cosiddette "morti evitabili". L'approccio organizzato al paziente daparte di un team multidisciplinare di esperti (Trauma Team), coordinato da un leader (Trauma Leader) è uno dei fondamenti per abbreviare i tempi relativi alla rianimazione e alla diagnostica, ridurre il numero di lesioni misconosciute, migliorare gli esiti in termini di sopravvivenza e inabilità.

L'attivazione del TT impegna lerisorse del Dipartimento di Emergenza, sia per quanto riguarda il numero di persone coinvolte, sia per la necessaria attivazione dei servizi di diagnostica e terapia (sale operatorie). E' pertanto opportuno identificare accuratamente i pazienti affetti da trauma grave, al fine di ridurre al massimo le percentuali di "overtriage" (attivazione del team per pazienti risultati, a posteriori, gestibili al di fuori di un approccio multi-disciplinare) e di "undertriage" (mancata attivazione).

La procedura più diffusamente accettata nel mondo, e adottata nelle "Linee Guida dell'AUSL di Modena", prevede un sistema basato su due diversi livelli: il primo èquello di un'attivazione automatica, da parte della Centrale Operativa del 118, in caso di alterazione dei parametri vitali del paziente o per evidenza di lesioni anatomiche gravi. Il secondo si basa su un'attivazione mediata da una rivalutazione medica in caso di presenza di almeno un indicatore di impatto violento o di rischio clinico aumentato per età, gravidanza, malattie croniche. L'applicazione di tali criteri conduce ad una percentuale di overtriage del 30-50% e di undertriage del 5%, considerate accettabili nell'ambito dei vari sistemi.

 





                                                         

Menu di sezione