1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Ausl Modena - Testata per la stampa
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Linkedin
  4. YouTube

Contenuto della pagina

LA SOSTENIBILITA' FINANZIARIA



La presente sezione fornisce un quadro, in forma sintetica, della situazione finanziaria che ha caratterizzatola gestione aziendale negli ultimi esercizi. Infatti, non vi è dubbio che la sostenibilità della gestione da un punto di vista finanziario è una componente fondamentale dell'equilibrio complessivo dell'azienda. Gli strumenti utilizzati per l'analisi in questione sono semplici e sono due: il rendiconto finanziario di liquidità in forma condensata e la durata media della esposizione debitoria verso i fornitori dell'azienda (i tempi medi di pagamento).

Rendiconto finanziario di liquidità (fonti - impieghi condensato)



E' lo schema che riepiloga i flussi finanziari in entrata e in uscita che la gestione ha generato nel periodo considerato, classificandoli opportunamente in base alla afferenza alla gestione corrente (la produzione aziendale tipica) e extracorrente (finanziamento e realizzazione degli investimenti). Le voci dello schema hanno il seguente significato:

-         DISPONIBILITA' LIQUIDE INIZIALI: costituiscono la dotazione di risorse liquide disponibili a inizio esercizio nella forma didenaro in cassa, disponibilità sul conto corrente postale, anticipazione bancaria.
-         NET CASH DELLA GESTIONE CORRENTE: rappresenta il saldo dei movimenti finanziari in entrata e in uscita generati dalla gestione corrente.
-         NET CASH DELLA GESTIONE EXTRACORRENTE: è il saldo dei movimenti finanziari in entrata e in uscita generati dalla gestione extracorrente; i flussi monetari in entrata rappresentano le "fonti" di risorse, mentre i flussi monetari in uscita gli "impieghi" di risorse.
-         CONTRIBUTI PER RIPIANI PERDITE PREGRESSE: sono i contributi regionali incassati dall'azienda per il ripiano di perdite pregresse; sono evidenziati a parte perché costituiscono una fonte di liquidità che non è riconducibile né alla gestione corrente né alla gestione extracorrente.
-         DISPONIBILITA' LIQUIDE FINALI: è la dotazionedi risorse liquide di fine esercizio, risultante dalle variazioni sopraillustrate.

 



Nel 2009 migliorano ulteriormente rispetto al 2008 le disponibilità liquide finali con un recupero di 8,5 mln di euro rispetto alla situazione iniziale derivanti per 2,1 mln dalla gestione corrente e per 6,4 mln da quella extracorrente.

 
 

Durata media esposizione verso fornitori


L'indicatore è ottenuto come rapporto tra i debiti medi di fornitura e il costo giornaliero per l'acquisto di beni e servizi.

Continua la tendenza alla decrescita dei tempi di pagamento dei fornitori da parte dell'Azienda. Nel 2009 il ritardo (oltre la franchigia dei 90 giorni) nel pagamento dei debiti verso i fornitori scende a meno di 8 mesi con un recupero di oltre 2 mesi rispetto al 2008. Si precisa che l'ammontare dei debiti medi di fornitura, che costituisce il numeratore dell'indicatore in esame, per l'anno 2009 non sembra rappresentare una buona approssimazione dell'andamento degli stessi nell'esercizio in quanto già nel primo semestre era stato avviato un rilevante recupero delle mensilità arretrate.

 


Menu di sezione