1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Ausl Modena - Testata per la stampa
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Linkedin
  4. YouTube

Contenuto della pagina

Vaccinazioni in ambiente protetto

 

In casi particolari i Servizi di Pediatria di comunità garantiscono l'attivazione del percorso per la vaccinazione in ambiente protetto.
Per esecuzione della vaccinazione in ambiente protetto s'intende la somministrazione del/dei vaccino/vaccini in una struttura ospedaliera ,secondo una procedura idonea a fronteggiare un eventuale emergenza post vaccinale.
Tale modalità di vaccinazione viene consigliata e attivata dai medici dei servizi vaccinali qualora il minore presenti condizioni che possono aumentare il rischio di gravi reazioni allergiche in seguito all'inoculazione del vaccino .
Per l'esecuzione delle vaccinazioni in ambiente protetto è indispensabile la presenza di un genitore e, dopo la vaccinazione ,il minore viene tenuto in osservazione per un periodo prolungato presso la struttura ospedaliera (di solito circa 4 ore).
Secondo la www.saluter.it/documentazione/leggi/regionali/delibere/dgr-256-2009 è necessario effettuare la/le vaccinazioni in ambiente protetto qualora sia presente una delle seguenti condizioni:

  • il vaccinando ha una storia di precedente reazione anafilattica (cioè di una grave reazione allergica che può portare fino allo shock e all arresto cardiocircolatorio) a qualsiasi sostanza, nota o non nota, contenuta o non contenuta nel vaccino.
  • il vaccinando ha avuto una reazione allergica non grave in seguito alla somministazione dello stesso vaccino e vi è il dubbio che si sia trattato di una reazione allergica IgE mediata (cioè sostenuta da un particolare tipo di anticorpi che interviene anche nelle reazioni anafilattiche).

L'indicazione ad eseguire la/le vaccinazioni in ambiente protetto può essere estesa dai medici dei servizi vaccinali anche ad altre condizioni del vaccinando.

Menu di sezione