1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Ausl Modena - Testata per la stampa
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Linkedin
  4. YouTube

Contenuto della pagina

Impatto culturale


L'Azienda si fa portatrice di interessi culturali per la comunità di riferimento sottodiversi aspetti, alcuni dei quali rappresentano forme di diffusione della cultura della buona salute e quindi sono direttamente connessi alle proprie finalità istituzionali, mentre altri rappresentano delle "derivate" in quanto di per sé estranei o comunque non direttamente connessi alle medesime finalità.

Rientrano nella prima fattispecie le seguenti attività:
 
· INTERAZIONI CON LA STAMPA SPECIALIZZATA E NON: anche quest'anno sono stati innumerevoli i contributi offerti da professionisti che svolgono la propria attività in Azienda e che pubblicano articoli, interviste o in generale offrono contributi alla redazione delle riviste medesime;

· RAPPRESENTAZIONI TEATRALI MESSE IN SCENA IN COLLABORAZIONE CON IL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE, che vedono coinvolti, in prima persona e nella veste di attori, cittadini assistiti dai servizi aziendali. Queste iniziative rappresentano un momento di grande partecipazione, di grande sfida e comunque di grande gratificazione per gli assistiti., i quali nonostante le loro disabilità svolgono un ruolo da protagonisti su un palcoscenico teatrale alla presenza di centinaia di spettatori.
 
Rientrano invece nella seconda fattispecie tutte le attività che l'Azienda pone in campo in quanto titolare di un patrimonio mobiliare ed immobiliare di interesse storico artistico. Nel caso dell'Azienda USL di Modena questo patrimonio risulta essere non particolarmente abbondante, se confrontato con quello posseduto da altre Aziende Sanitarie, ma non mancano opere di grande pregio, soprattutto con riferimento agli immobili. Basti ad esempio pensare alle strutture ospedaliere delle città di Modena e Sassuolo, tutte con secoli di storia ed oggetto di vincoli architettonici da parte della Sovrintendenza ai beni artistici e culturali.

Madonna Santa Maria Bianca croce devozionale raffigurante la Patrona della
Madonna Santa Maria Bianca

Patrimonio artistico aziendale

Il patrimonio di beni artistici dell'Azienda USL di Modena pur non ricchissimo di testimonianze, permette di percorrere la lunga storia della assistenza e della cura nella nostra Provincia.
Una sintesi della storia del patrimonio culturale ,storico ed artistico dell'assistenza a Modena lo si può trovare nei due volumi editi dall'Azienda USL "E venne il grande spedale" di  Andrea  Giuntini e Giuliano Muzzioli e "I luoghi della Cura", rassegna fotografica di luoghi e oggetti  della sanità modenese. Per quanto riguarda Sassuolo si segnale il volume molto documentato "Dalla carità alla sanità di Tullio Sorrentino".
Gran parte del Patrimonio Aziendale è visibile nel sito della Sovrintendenza ai Beni culturali della Regione, frutto di un lavoro di catalogazione e inquadramento delle singole opere iniziato nel 2000 con il coordinamento della Regione Emilia-Romagna.
È iniziato, inoltre, lo spostamento degli arredi di pregio dall'Ex Ospedale Estense in altri punti dell'Azienda e in parte verranno messi in comune con il Palazzo dei Musei per arrivare ad una mostra permanente della storia della sanità a Modena.
Si sono staccate e restaurate, con il decisivo contributo dell'Opera Pia casa di riposo, le tre pale in ceramica che erano nell'entrata su via sant'Agostino del cosiddetto "ricovero di mendicità" divenuto poi negli anni '70 ospedale Estense: si tratta di grandi pale ceramiche policrome di estrema finezza che potranno essere una delle parti più belle della mostra che si allestirà sulla sanità modenese.                                  

 

Raccontarsi: il rapporto con le riviste specializzate e con i Mass Media

Anche quest'anno sono stati innumerevoli i contributi offerti da professionisti che svolgono la propria attività in Azienda e che pubblicano articoli, interviste o in generale offrono contributi alle redazioni di riviste specializzate.
In una logica di trasparenza e collaborazione si è inoltre consolidato il rapporto con i Mass Media, aumentando i momenti di dialogo anche con modalità diverse da quelle istituzionali.
Da segnalare, in questo caso la registrazione in presa diretta di una trasmissione televisiva presso la Centrale Operativa del 118.

Menu di sezione