1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Ausl Modena - Testata per la stampa
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Linkedin
  4. YouTube

Contenuto della pagina

Emofilo

 

La malattia

L'emofilo (Haemophilus influenzae di tipo b) normalmente si trova nella gola o nel naso dove non dà alcun fastidio e si trasmette da una persona all'altra per via aerea. Quasi tutti i bambini durante i primi 5 anni di vita incontrano prima o poi l'emofilo. Di solito questo contatto non provoca nessun danno. Tuttavia, in alcuni bambini, l'emofilo non si limita a "colonizzare" la gola ma può diffondersi nell'organismo causando malattie molto serie.
Tra queste malattie, la più frequente è la meningite, ancora oggi a volte mortale e che comunque può lasciare gravi danni permanenti come convulsioni, sordità, cecità, paralisi, ritardo mentale. Altre volte l'emofilo colpisce la gola, e può causare un'infiammazione così grave (epiglottite) da far rischiare la morte per soffocamento, oppure il polmone (broncopolmonite), o tutto organismo (sepsi).
Queste malattie colpiscono soprattutto i bambini dall'età di 3 mesi fino a 5 anni, con l'incidenza maggiore in quelli che hanno meno di 2 anni.
I bambini con difetti delle difese immunitarie, malattie congenite, tumori, trapiantati di midollo osseo, mancanza della milza, leucemie o infezione da HIV, hanno un rischio maggiore di ammalarsi di meningite da emofilo.
I casi di malattia grave da emofilo sono fortemente calati in tutta Italia dopo l'introduzione della vaccinazione nella seconda metà degli anni '90: da 130 casi segnalati nel 1996, si è passati a 7 casi nel 2014. In Emilia-Romagna, nello stesso periodo, i casi si sono ridotti da 12 a 1.

 

Il vaccino

Il vaccino rappresenta l'unico mezzo per prevenire le più gravi infezioni da emofilo. Esso contiene una parte del microbo modificato in modo da non essere più pericoloso ma ugualmente in grado di stimolare una buona protezione dalla malattia.
La somministrazione di questo vaccino è consigliata a tutti i bambini, fin dai 2 mesi di età in modo da proteggerli quando sono più esposti a questa infezione.
Se il bambino si trova in una situazione di rischio particolare (come quelle citate), naturalmente la vaccinazione è ancora più importante. Il vaccino viene somministrato con un'iniezione insieme ad altri vaccini. L'efficacia della vaccinazione contro l'emofilo è altissima, pari al 99%. Non sono previsti richiami dopo il primo anno di vita.
La vaccinazione è raccomandata a tutti bambini fino all'età di 5 anni e in età successive solo alle persone ad alto rischio, come quelle a cui viene asportata la milza o con particolari condizioni immunitarie.

 

Gli effetti collaterali

Sono rari e lievi. Nel punto in cui viene fatta l'iniezione possono comparire rossore, gonfiore o dolore; si tratta generalmente di fenomeni modesti e transitori, più frequenti nei bambini più grandi. Può comparire anche febbre, in genere inferiore ai 38,5 °C, lieve irritabilità, sonnolenza, a volte vomito o diarrea.
Questi fenomeni sono molto rari e più evidenti nei bambini piccoli, di intensità lieve e scompaiono entro 1-2 giorni dalla vaccinazione. Le reazioni allergiche a componenti del vaccino sono eccezionali come per tutti i vaccini.
 

 
 

 

Menu di sezione