1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Ausl Modena - Testata per la stampa
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Linkedin
  4. YouTube

Contenuto della pagina

L'ambiente

 
  1. Inquinamento atmosferico
  2. Qualità dei suoli
  3. Qualità delle acque
  4. Approfondimenti
 

Inquinamento atmosferico

 
Grafico della percentuale di giornate con valori di concentrazione di PM10 superiori al limite di 50 µg/m3. Anni 2002-2011

Gli alti livelli di urbanizzazione ed industrializzazione del territorio, connessi con le caratteristiche meteo-climatiche, favoriscono il ristagno degli inquinanti e generano una situazione ambientale che presenta diverse criticità.
 
Una delle principali è rappresentata dal particolato (monitorato come PM10), sia per i numerosi superamenti dei limiti di legge, sia per le evidenze epidemiologiche che sempre più lo legano ad effetti avversi sulla salute umana.

Il PM10  è un inquinante critico su tutto il territorio provinciale, soprattutto per quanto riguarda il rispetto del numero massimo di superamenti del valore limite giornaliero. In tutti i siti di misura, infatti, il numero superamenti è superiore ai 35 consentiti e in alcuni casi risultano più del doppio.
 
Nel 2011 a Modena la stazione peggiore (Via Nonantolana ) ha registrato  90 superamenti del  limite giornaliero di 50 µg/m3, pari al 26% delle giornate con valori validi. Le medie annuali di PM10 nel 2011 sono inferiori al limite di 40µg/m3 se si considerano le stazioni di fondo urbano,  rappresentative dei livelli medi a cui la popolazione è esposta, mentre è superiore quella di Via Nonantolana (41 µg/m3) in quanto  influenzata da strade ad alto volume di traffico. Se si analizzano i superamenti della media giornaliera di PM10 dall'anno 2002, si può notare un calo progressivo più evidente dal 2006 al 2011, che è di circa il 30%: la stazione peggiore è passata  130 a 90 giorni di superamento.  Il trend delle medie annue di PM10, mostra invece una diminuzione negli ultimi sei anni, meno evidente rispetto al precedente, circa il 13%.

 
 

Per quanto riguarda le polveri PM2.5 emerge una situazione abbastanza differente rispetto a quella del PM10; infatti, nel 2011 tutte le stazioni di monitoraggio rispettano il valore limite annuale di 25µg/m3, unico limite previsto dalla normativa da valutare per la prima volta nel 2015.
Se si analizza il trend delle medie annue del PM2.5, si notano concentrazioni superiori al valore limite nei primi anni di monitoraggio (2001) con valori in diminuzione nel tempo; dal 2009, invece, le concentrazioni sono stabili su valori di poco inferiori o uguali al limite.

Anche l'ozono (O3) come il PM10 è un inquinante critico in tutta la Pianura Padana: deriva dalle reazioni fotochimiche che avvengono tra un numero elevatissimo di inquinanti presenti in atmosfera in presenza di forte irraggiamento solare (è per questo che le concentrazioni più elevate si riscontrano in estate). Nella stazione di Parco Ferrari a Modena nell'estate 2011 si sono registrate  11 ore di  superamento della Soglia di Informazione (180µg/m3) distribuite in 3 giorni e 76 giornate in cui è stato superato il Valore Bersaglio (massimo giornaliero della media mobile  su 8 ore di 120 µg/m3,  da non superare più di  25 volte in un anno). La  variabilità negli anni di questo inquinante non evidenzia una tendenza chiara: le diversità sono legate alla meteorologia della stagione estiva che ha caratterizzato gli anni analizzati. In generale i livelli di Ozono sono ancora troppo elevati rispetto ai limiti imposti dalla normativa; considerando l'origine fotochimica di questo inquinante, nonché la sua natura secondaria legata a complesse reazioni chimiche in atmosfera, la soluzione del problema legato all'inquinamento da ozono risulta molto più complessa rispetto ad altri inquinanti.
 
Una situazione in lieve miglioramento per quanto riguarda il Biossido di azoto (NO2)che nel 2011 registra medie annuali inferiori al limite di 40 µg/m3 in tutte le stazioni di monitoraggio di fondo urbano; la situazione rimane critica nelle stazioni più influenzate dal transito veicolare, quali Giardini e Nonantolana a Modena. Il trend delle medie annuali di NO2  evidenzia un calo di circa 11% se si analizzano gli anni dal 2006 al 2011, più evidente nelle stazioni lontane dal traffico.
 
Nella stazione di Giardini, analogamente a quanto avviene nelle stazioni da traffico della Rete Regionale di Qualità dell'Aria, è misurato il Monossido di Carbonio (CO), gas che si produce principalmente dalle reazioni di combustione; i livelli di questo inquinanti sono da anni molto contenuti e prossimi al limite di rilevabilità strumentale. La massima della media mobile delle 8 ore misurata nel 2011 è stata di 2.3 mg/m3 (valore limite 10 mg/m3).
 
Una forte diminuzione negli ultimi decenni si è riscontrata anche per le concentrazioni di benzene, che attualmente raggiunge nella stazione di Giardini valori medi annui di 1.4 µg/m3,  molto  inferiori rispetto al limite previsto per il 2010 pari a 5 µg/m3.
 
Per quanto riguarda il Biossido di zolfo (SO2), dopo l'avvento della metanizzazione negli anni '70-'80, esso ha subito una drastica diminuzione nelle concentrazioni tanto che i livelli attuali risultano molto bassi e ben lontano dai limiti di legge.

 

Qualità dei suoli

La qualità dei suoli nella provincia di Modena risulta influenzata negli ultimi decenni dalla agricoltura intensiva e dagli elevati carichi di sostanze azotate prodotte dai numerosi allevamenti zootecnici diffusi sul territorio provinciale.
Relativamente alla problematica delle aree di spandimento, si evidenzia che in attuazione del Decreto del Ministro delle Politiche agricole e forestali 7 aprile 2006 - Programma d'azione per le zone vulnerabili ai nitrati da fonte agricola, la Regione Emilia Romagna a seguito di quanto indicato dalla L.R. n°4 del 2007, ha emanato, a fine 2011, il nuovo Programma d'Azione Nitrati (PAN) 2012-2015 in cui sono specificate le norme tecniche obbligatorie per l'utilizzazione agronomica degli effluenti e delle acque reflue di origine agricola, pubblicando il Regolamento Regionale n° 1 del 28/10/2011 con indicate le "disposizioni un materia di utilizzazione agronomica degli affluenti di allevamento e delle acque reflue derivanti da aziende agricole e piccole aziende agro alimentari", entrato in vigore a partire dal 1° gennaio 2012.
Come provvedimento amministrativo correlato, la Provincia di Modena (con atto deliberativo consigliare n° 40 del 12.03.2008) aveva approvato la cartografia delle aree idonee all'utilizzazione agronomica degli effluenti zootecnici e dei fanghi di depurazione.

Contaminazioni puntuali, correlate a pregresse contaminazioni industriali sono in corso di bonifica e quindi in progressiva diminuzione.

 
 

Qualità delle acque

La classificazione ambientale delle acque superficiali determinata attraverso l'utilizzo di indicatori sintetici, classifica in classe "buona-elevata" il tratto montano del bacino del fiume Panaro fino alla stazione di Ponte Chiozzo a valle della confluenza dei torrenti Leo e Scoltenna e "buona" tutte le stazioni collinari e di pianura poste sui tratti più a valle fino alla stazione di Bomporto. Per il fiume Secchia risultano in classe "buona" solamente le stazioni del tratto montano-collinare fino alla stazione di Castellarano. I tratti terminali di entrambi i corsi d'acqua, confermano la classe "sufficiente", rimanendo ancora lontani dall'obiettivo normativo fissato per dicembre 2015. Scadente-Pessima risulta la qualità dei corpi idrici affluenti Naviglio e Collettore Acque Alte per il Panaro e Fossa di Spezzano e Tresinaro per il fiume Secchia. 
 
La qualità delle acque di falda, risulta scadente per buona parte del territorio di alta pianura modenese; peggiore risulta lo stato qualitativo delle acque sotterranee nella conoide del fiume Secchia rispetto alle acque sotterranee nella conoide del fiume Panaro (entrambe in lieve miglioramento). Lo stato scadente delle falde è correlabile agli elevati carichi inquinanti riversati sul suolo provenienti soprattutto dal settore agricolo-zootecnico, che provocano un incremento dei livelli di concentrazione dei composti azotati (Nitrati). Per il territorio modenese la presenza di Nitrati nelle falde risulta determinante nella classificazione delle acque profonde, ma non esclusivo; in zona pedecollinare permane una presenza puntuale di composti clorurati (organo-alogenati) superiori al limite normativo.
 
Permane l'assenza di altri inquinanti quali fitofarmaci, idrocarburi policiclici aromatici (I.P.A.), fenoli e metalli pesanti.

 
 

Approfondimenti

 
 
 
 
 

Menu di sezione