1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Ausl Modena - Testata per la stampa
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Linkedin
  4. YouTube

Contenuto della pagina

Facilitazioni per i dipendenti

 

Servizio mensa

Nella Provincia di Modena convivevano, fino al luglio 1994, sei UU.SS.LL., ciascuna delle quali aveva direttamente stipulato, unicamente nelle località principali (quelle in cui si trovano un Presidio Ospedaliero e/o la sede amministrativa centrale), alcune convenzioni con esercizi pubblici, per lo più con self/service, per la fornitura del servizio sostitutivo di mensa a pasto parametrato, a fronte della presentazione di buoni cartacei  direttamente stampati e forniti dalle UU.SS.LL. stesse e dalle stesse manualmente gestiti per la parte concernente il controllo e il recupero della quota di spettanza del dipendente.
Tale gestione locale e manuale del servizio sostitutivo di mensa  è proseguita fino alla fine del 1998, quando appunto si è arrivati ad attivare l'attuale servizio unificato sull'intera Provincia.
Nella predisposizione del Capitolato Speciale per la nuova gara per l'assegnazione del servizio sostitutivo di mensa a livello provinciale si è tenuto conto di una serie di aspetti:

  • effettiva possibilità di usufruire del pasto per tutti i dipendenti: locali convenzionati  in tutte le località sede di servizio, adiacenti alle sedi di servizio, aperti anche la sera e nei giorni festivi per garantire la possibilità di accesso al servizio anche al personale turnista;
  • miglioramento significativo della qualità e possibilità di menù alternativi;
  • possibilità di utilizzare il buono anche in rosticcerie etc..;
  • possibilità di utilizzare il buono pasto non utilizzato in una giornata in cui il dipendente ha diritto al servizio anche in altra giornata;
  • possibilità di consumare il pasto in locali dedicati dell'Azienda per i dipendenti che hanno soltanto mezz'ora di riposo, anche attraverso pasti da asporto.

 
Il servizio sostitutivo di mensa attraverso buono pasto elettronico è costituito da una rete unica provinciale di 180 punti di ristoro in grado di rilevare, attraverso appositi lettori installati nei locali a cura e spese della Ditta aggiudicataria, l'ora, il giorno, il locale e il nominativo dell'avente diritto che ha usufruito della prestazione; il servizio consente a ciascun avente diritto di essere riconosciuto e di fruire del pasto in qualsiasi località della Provincia.

La rilevazione informatica della fruizione del pasto avviene attraverso la stessa carta magnetica utilizzata dal dipendente per la rilevazione dell'orario di lavoro: è pertanto una tessera personale non cedibile di fatto, oltre che di diritto, in quanto titolo indispensabile per rilevare la propria presenza in servizio, oltre che per usufruire del servizio sostitutivo di mensa.
La gestione informatizzata del servizio, che grava totalmente sulla Ditta aggiudicataria, ha consentito di eliminare tutto il lavoro connesso alla gestione dei buoni cartacei (distribuzione, raccolta e controllo manuali),  ha inoltre semplificato in maniera decisiva la procedura di  recupero da parte dell'Azienda del contributo di lire duemila spettante al dipendente per ciascun pasto consumato (tale recupero avviene ora in maniera pressoché automatica a livello centrale, nel momento del calcolo degli stipendi, sulla base del file di rilevazione dei pasti consumati da ciascun dipendente e trasmesso dalla Ditta Ticket Restaurant alla nostra Azienda); il sistema automatico adottato ha pertanto avuto una notevole ricaduta positiva sull' Azienda in termini di economicità di gestione complessiva del servizio e di qualità percepita da parte dei dipendenti.
Nel 2007, su esplicita richiesta dei dipendenti è stata introdotta la richiesta di pasti a mensa gluten free per i dipendenti affetti da celiachia.


Disponibilità di sale "riposo-relax"

Nelle sale operatorie di tutti gli stabilimenti ospedalieri aziendali e nelle cucine dei reparti è presente una sala "riposo/relax", così come richiesto dai requisiti previsti dalla Delibera di Giunta Regionale n. 125/1999 che definisce i requisiti minimi integrativi in materia di autorizzazione e accreditamento. 

 

 

 
 
 
                                                   

Menu di sezione