1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Ausl Modena - Testata per la stampa
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. Linkedin
  4. YouTube

Contenuto della pagina

Commissione Sperimentazione in Medicina Generale e Pediatria di Libera Scelta

La Commissione per la Sperimentazione in Medicina Generale e Pediatria di Libera Scelta prevista dalla normativa, sia nazionale che regionale, è ormai una realtà presente da diversi anni nella nostra provincia e il percorso che ha reso possibile la sperimentazione clinica di farmaci in fase III e in fase IV ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta oramai fortemente consolidato. Gli ambulatori dei medici, singoli o associati, sono diventati luogo di sperimentazione e le attività di sperimentazione sono così considerate a pieno titolo una componente qualificante dell'attività assistenziale in medicina generale.
 

Il rinnovo della Commissione per la sperimentazione in Medicina Generale e Pediatria di Libera Scelta, per il periodo 2010/2012, ha coinciso con una riflessione sulla collocazione che la Commissione avrebbe dovuto avere per un suo funzionamento più adeguato ed efficiente.
La stessa composizione ha subito delle integrazioni in quanto fin dal rinnovo, intervenuto nel luglio 2010, è stato ritenuto opportuno integrarla inserendo un rappresentate dei medici specialisti ambulatoriali che insieme ai medici sul territorio è sempre più spesso chiamato come punto della "rete della ricerca". Da ultimo la riflessione è ora rivolta al personale infermieristico, che dovrà essere rappresentato all'interno della Commissione per dare voce anche a questi professionisti che autonomamente o in collaborazione partecipano sempre più attivamente a progetti di ricerca.
 

Fa riferimento alla Commissione il "Network dei ricercatori delle Cure Primarie modenesi", che raccoglie sia i MMG che i PLS iscritti nel Registro dei Ricercatori, che i professionisti coinvolti in studi osservazionali (per i quali non è previsto l'obbligo di iscrizione al registro). Il Network non ha una struttura definita ma risponde agli obbiettivi primari dei ricercatori delle cure primarie, offrendo l'opportunità di ricevere formazione continua sui temi della ricerca e di realizzare un confronto tra pari sui temi della pratica professionale, per fare emergere quesiti di ricerca pertinenti alle attività assistenziali e praticabili all'interno della pratica quotidiana. In considerazione di ciò, come da indicazioni della delibera di giunta regionale n. 596 del 2005, è stato effettuata la formazione dei MMG e Pls su "Gli aspetti generali della Ricerca clinica in MMG e Pediatria di Libera scelta". A tale corso di formazione hanno partecipato i MMG e i Pls delle Aziende Sanitarie Locali afferenti all'AVEN, con l'obbiettivo di aggiornare, successivamente, i registri degli sperimentatori già istituiti.
È continuata per tutto l'anno 2011 la collaborazione con il CeVEAS, al fine di garantire il necessario supporto metodologico per la formalizzazione dei protocolli di ricerca e per la raccolta e l'analisi dei dati.
 

Durante l'anno 2011 le attività della Commissione hanno riguardato la valutazione di alcuni protocolli di ricerca, proposti da promotori commerciali. Inoltre sono proseguite le attività connesse al progetto di ricerca dal titolo "Sviluppo, attivazione e verifica di un modello di gestione del follow-up condotto dal MMG in donne con tumore della mammella diagnosticato in fase precoce e curato radicalmente", ammesso al finanziamento del Bando di Modernizzazione del 2009, riguardanti soprattutto la formazione dei Medici di Medicina Generale per permettere la partecipazione al progetto stesso.
Inoltre, nel corso dell'anno 2011, la Commissione ha collaborato alla stesura del progetto di ricerca presentato al Programma Ministeriale del "Centro nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie" (CCM) (titolo del progetto: "Applicazione del modello predittivo e dell'indice di rischio della fragilità per la individuazione e la selezione dei soggetti anziani "fragili" sui quali attivare interventi proattivi e di prevenzione della non autosufficienza nel sistema dei servizi territoriali socio-sanitari integrati").
 
 
                                               

Menu di sezione