Liste di attesa


Specialistica Ambulatoriale

L'ordinaria offerta  aziendale è frutto di una programmazione annuale su base provinciale  delle attività di specialistica ambulatoriale, i cui fabbisogni vengono  stabiliti in base all'analisi della domanda (attraverso il calcolo  semestrale o annuale delle prestazioni erogate su flusso informativo  regionale ASA e delle prestazioni prenotate attraverso i canali  dell'accesso) e ripartiti sui vari erogatori (SSN e strutture private  accreditate), privilegiando la produzione interna delle prestazioni.
Ai  fini di evidenziare precocemente e risolvere eventuali criticità sul  mantenimento dei TdA, l'UOC Governo attività di Specialistica  Ambulatoriale (GSA) valuta quotidianamente, mediante un report di alert,  l'offerta SSN e i tempi di attesa per le prestazioni di specialistica  ambulatoriale maggiormente critiche (con particolare riferimento alle 42  prime visite ed esami strumentali richiesti con priorità di accesso D  (non urgente) e che sono anche oggetto di monitoraggio regionale). Sulla  base dell'analisi dei report di alert e della valutazione della domanda  attraverso le prenotazioni effettuate sul software CUP ogni giorno  viene adeguata l'offerta, in modo da garantire, per quanto possibile,  disponibilità delle prestazioni entro i tempi standard. Per alcune  prestazioni, è stato attivato il percorso di garanzia, grazie al quale, in  caso di indisponibilità a CUP entro i tempi di attesa standard,  l'operatore offre al cittadino la possibilità di prenotare presso una  delle strutture private accreditate più vicina alla zona di residenza,  che eroga quella tipologia di prestazione e che ha aderito al progetto.  Negli ultimi anni, l'offerta del percorso di garanzia è stata arricchita  anche con alcune disponibilità presso strutture pubbliche (es. AOU per  la prima visita dermatologica). E' stato inoltre predisposto un report  specifico che serve per la valutazione quotidiana delle disponibilità  nell'ambito dei percorsi di garanzia e che viene inviato automaticamente  ai referenti delle strutture coinvolte nel progetto (GSA, AOU e  Strutture private Accreditate).

Ulteriori  misure messe in atto nel caso in cui l'ordinaria offerta aziendale non  garantisca le prestazioni nei tempi massimi di attesa riguardano il  potenziamento dell'offerta (reclutamento dei professioni nelle  discipline critiche, apertura degli ambulatori nel fine settimana, ecc) e  facoltà da parte del Responsabile Unitario dell'accesso (RUA) alle  prestazioni specialistiche ambulatoriali, verificati gli estremi di  necessità, di sospendere la libera professione per le prestazioni che  non rispettano le condizioni di equilibrio nel rapporto con l'attività  istituzionale di cui alla DGR 925/2011.

Vai ai  TEMPI DI ATTESA AMBULATORIALI IN EMILIA-ROMAGNA

Qui di seguito i documenti con i criteri della formazione e gestione delle liste di attesa.



Responsabile dell'aggiornamento dell'informazione
Giuliana Fabbri
Responsabile Unitario Accesso Prestazioni Specialistiche Ambulatoriali
giuliana.fabbri@ausl.mo.it


Ricoveri

La Regione Emilia-Romagna ha emanato il 13 marzo 2017 la delibera 272/2017 sulla "Riduzione delle liste di attesa per i ricoveri chirurgici programmati", disponendo che ciascuna Azienda Sanitaria realizzi gli interventi per l'uniformità di accesso e la trasparenza delle prestazioni di  ricovero programmato, in cui sono ricomprese i criteri di formazione e gestione delle liste di attesa.



Vai ai  TEMPI DI ATTESA DEI RICOVERI IN EMILIA-ROMAGNA (cliccando alla voce Efficienza)


Qualora non si riesca con l'attività ordinaria programmata a garantire i tempi massimi di attesa delle prestazioni di ricovero programmato chirurgico, viene proposta al paziente una sede provinciale alternativa oppure, in un'ottica di sinergia di rete, favorita l'erogazione delle stesse presso strutture private accreditate mediante l'applicazione di protocolli operativi condivisi, e al contempo consentire l'utilizzo in sharing delle piattaforme chirurgiche con altri produttori provinciali. In applicazione a quanto contenuto nella DGR 272/2017, il 30% delle prestazioni aggiuntive è finalizzato alla riduzione dei tempi di attesa per le prestazioni di ricovero programmato a maggiore criticità.




Responsabile dell'aggiornamento dell'informazione
Francesca Raggi
Responsabile Unico Aziendale Accesso Prestazioni Ricovero Programmato
f.raggi@ausl.mo.it




Ultimo aggiornamento: 10 Settembre 2018