Home

Relazioni con personale dipendente e sue rappresentanze

  1. Azienda USL
  2. Azienda Ospedaliero - Universitaria Policlinico

Azienda USL

La complessità delle dinamiche sindacali dell'azienda è dovuta a una molteplicità di fattori che possono in modo esemplificativo individuarsi nei seguenti:
- nuova rete ospedaliera;
- revisione dell'assetto organizzativo aziendale;
- articolazione aziendale sull'intera provincia di Modena;
- la presenza sul territorio di numerosi punti produttivi;
- la contemporanea attivazione di tavoli di confronto sindacale a livello di Confederazione, di Categoria e aziendale (area comparto, area dirigenza medica e veterinaria e area dirigenza SPTA);
- la presenza di processi trasversali di informazione in materia sindacale all'interno dell'azienda;
- componenti sindacali autonome.

Quanto sopra evidenzia un sistema di relazioni sindacali estremamente complesso all'interno del quale l'Azienda deve governare i processi di informazione e garantire una puntuale applicazione degli accordi sottoscritti.
Il sistema di relazioni sindacali aziendali si sviluppa attraverso un raccordo dinamico, quotidiano tra l'Ufficio relazioni sindacali, la Direzione Strategica Aziendale, il Servizio Gestione e Sviluppo risorse umane, i Servizi interni e le macrostrutture aziendali.

Il confronto sistematico sulle problematiche di natura sindacale permette alla Direzione Strategica Aziendale e al Servizio Gestione e Sviluppo risorse umane non solo di individuare soluzioni per il singolo caso specifico, ma di elaborare, attraverso una programmazione di più ampio respiro, linee d'indirizzo che anticipano i bisogni e rappresentano alcuni degli obiettivi strategici aziendali. L'azienda, attraverso la sopradescritta dinamica, è in grado di coinvolgere in modo propositivo le Rappresentanze Sindacali sulle tematiche ritenute prioritarie.

Le strategie dell'azienda in merito alla gestione delle materie sindacali sono conosciute a tutti i livelli (dai membri della Delegazione trattante ai Gestori locali). Allo stesso modo le problematiche di natura sindacale, a qualunque livello si siano originate, sono tempestivamente portate a conoscenza dell'Ufficio relazioni sindacali e poi condivise con la Direzione Strategica aziendale e il Servizio Gestione e Sviluppo risorse umane.

Le dinamiche descritte si realizzano attraverso un sistema virtuoso d'informazione che garantisce una conoscenza diretta e tempestiva delle questioni da affrontare al fine di elaborare le strategie gestionali più opportune. L'informazione, pertanto, è favorita non solo tramite l'utilizzo degli strumenti informatici, ma principalmente attraverso riunioni periodiche che coinvolgono i centri decisionali interni e periferici dell'azienda. Quest'ultimo aspetto è decisivo al fine di implementare una "cultura del confronto" e quindi della condivisione delle problematiche e delle soluzioni adottate.

Il modello di relazioni sindacali aziendali si sviluppa in conformità a tre linee direttrici.

La prima attraverso un raccordo tra l'Ufficio Relazioni Sindacali, Direzione Strategica Aziendale e Servizio Gestione e Sviluppo risorse umane con un confronto sistematico sui temi sindacali e l'individuazione delle soluzioni più idonee.

La seconda con un raccordo tra Direzione Strategica Aziendale e Gestori locali per il tramite dell' Ufficio Relazioni Sindacali che sviluppa un coinvolgimento diretto dei Gestori locali nella trattazione delle dinamiche sindacali mediante: un'informazione preventiva sulle linee d'indirizzo aziendali; una chiara attribuzione di competenze e quindi d'autonomia della gestione; una conoscenza tempestiva delle tematiche sindacali affrontate a livello di tavolo centrale; la trasmissione immediata degli accordi stipulati con eventuali note di commento; approfondimenti sulla corretta applicazione e interpretazione degli accordi stipulati al fine di ottenere un'uniformità di comportamenti a livello dell'intero sistema azienda; una condivisione delle soluzioni adottate per risolvere particolari problematiche di natura sindacale; riunioni periodiche al fine di analizzare di concerto con la Direzione Strategica Aziendale e il Servizio Gestione e Sviluppo risorse umane i bisogni locali e fornire risposte e soluzioni in tempi brevi; momenti di formazione del personale coinvolto nella gestione delle relazioni sindacali a livello decentrato.

La terza con l'integrazione con l'Azienda Ospedaliero Universitaria di Modena e la Sassuolo Spa attraverso un continuo confronto per assicurare una comunanza di intenti e di posizioni, pur nel rispetto delle rispettive specificità. L'obiettivo è quello di armonizzare a livello territoriale gli accordi integrativi aziendali.
 

 

Azienda Ospedaliero - Universitaria Policlinico

L'anno 2012 ha rappresentato un unicum circa la gestione delle relazioni con i dipendenti e le loro rappresentanze, infatti, dopo un avvio di anno ordinario, caratterizzato dallo svolgimento, nel corso del primo trimestre delle elezioni per il rinnovo della rsu per l'area comparto, gli eventi sismici hanno dettato l'agenda delle attività ed obbligato a intraprendere strade originali per garantire che tutte le figure operanti all'interno del Policlinico venissero coinvolte in un percorso di informazione istituzionale pieno ed efficace. 
 
Agli incontri con le rappresentanze dei lavoratori, ivi compresi gli RLS anche con incontri congiunti, 19 nel corso del 2012 ed in gran parte finalizzati ad informare circa l'andamento delle iniziative adottate per affrontare la situazione di emergenza conseguente al sisma, si sono affiancate 3 assemblee generali dirette a tutti i dipendenti oltre che al personale universitario che opera presso l'Azienda, includendo anche gli specializzandi.

Le assemblee generali, che hanno visto in tutti e tre i casi una partecipazione numericamente straordinaria, sono state sempre precedute da sedute dedicate del Collegio di Direzione, finalizzate a condividere contenuti ed orientamenti.
Per provare a rispondere alle necessità di informazione degli operatori sono stati utilizzati anche gli strumenti di comunicazione informatica, nonostante i diversi canali attivati l'informazione ha sicuramente rappresentato uno degli elementi critici della gestione post-sisma.

Relativamente agli incontri con le Organizzazioni Sindacali della dirigenza, si segnala come siano state concordate modalità di riconoscimento e valorizzazione, previa definizione di uno specifico sistema di pesature, differenziato per equipe, e nell'ambito di fondi contrattuali, dell'impegno e del disagio straordinari legati agli eventi sismici.
 


Ultimo aggiornamento: 03 Luglio 2018