Home
  • Ottenere astensione anticipata in gravidanza

Gravidanza a rischio: le regole per ottenere l'astensione anticipata dal lavoro

La procedura di interdizione dal lavoro per gravidanza a rischio è di competenza dell'Azienda USL

Le lavoratrici residenti o domiciliate in provincia di Modena, qualora sussistano "gravi complicanze della gestazione o preesistenti forme morbose che si presume possano essere aggravate dallo stato di gravidanza" (art.17 del D.Lgs 26.03.01), devono richiedere l'interdizione dal lavoro all'Azienda USL presentando l'apposita modulistica e il relativo certificato attestante la gravidanza a rischio rilasciato da una struttura pubblica (Consultori familiari o Ospedali pubblici).

Se la richiedente è in possesso di un certificato medico rilasciato da un ginecologo privato o libero professionista, dovrà recarsi (previo appuntamento telefonico) presso il Consultorio Familiare per l'accertamento previsto dalla legge.

L'Azienda USL verifica la procedibilità dell'istanza ricevuta, adotta il provvedimento entro sette giorni dal ricevimento della richiesta e lo invia all'INPS tramite Posta Elettronica Certificata e alla lavoratrice tramite raccomandata A.R.

L'astensione anticipata dal lavoro può essere richiesta anche per rischi che derivano dalle mansioni lavorative svolte. In questo caso la donna in stato di gravidanza deve rivolgersi alla Direzione Territoriale del Lavoro competente.

 

Chi può presentare la domanda di interdizione dal lavoro

  • Le dipendenti e le ex dipendenti (nei casi previsti dalla vigente normativa), residenti o domiciliate in provincia di Modena, di datori di lavoro pubblici e privati
  • Le collaboratrici, residenti o domiciliate in provincia di Modena, iscritte alla gestione separata INPS
  • Le libere professioniste, residenti o domiciliate in provincia di Modena, non iscritte all'albo (iscritte a gestione separata INPS)
 

Documenti necessari per presentare la domanda

 

Come presentare la richiesta di estensione del congedo di maternità

Il modulo di richiesta compilato e firmato dalla richiedente e il certificato di accertamento medico attestante la gravidanza a rischio rilasciato da una struttura pubblica dovranno essere inviati all'ufficio aziendale competente tramite fax al numero 059 3963721:
-  dagli operatori degli ambulatori pubblici al termine dell'accertamento
-  dalla lavoratrice interessata, allegando anche la copia fronte/retro di un documento di riconoscimento in corso di validità.

Per ulteriori informazioni:
- telefonare al numero 059 438002 (dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 12).

 

Approfondimenti

Per ulteriori informazioni sulla tutela della maternità e della paternità (Art. 7 D. Lgs. 151/01  denominato " Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità") accedi alla sezione dedicata.

Ultimo aggiornamento: 06 Settembre 2018