Home
  • CORONAVIRUS
  • Tamponi antigenici nasali rapidi in farmacia

Tamponi antigenici nasali rapidi in farmacia

Dal 21 dicembre 2020 e fino al 30 giugno 2021 (eventualmente prorogabile), in tutte le farmacie che hanno aderito all'accordo siglato tra la Regione Emilia-Romagna e le associazioni di categoria territoriali delle farmacie convenzionate, pubbliche e private, vengono introdotti i test nasali rapidi gratuiti per la rilevazione dell'antigene del Coronavirus con esito in soli 15 minuti.
Questa nuova campagna di screening, su base volontaria e gratuita, ha l'obiettivo di testare sempre più persone, intercettare il più rapidamente possibile i nuovi positivi asintomatici e spegnere sul nascere eventuali focolai, a partire da quelli in famiglia o a scuola.
Per tutti gli aventi diritto ci sarà la possibilità di effettuare il test una volta al mese.

 

A chi è rivolto lo screening

La campagna si rivolge ai cittadini residenti o con domicilio sanitario in Regione Emilia-Romagna (con scelta del Medico di medicina generale o del Pediatra di libera scelta) come di seguito specificato

  • alunni (0-18 anni e maggiorenni se frequentanti scuola secondaria superiore) e relativi:

  > genitori (anche se separati e/o non conviventi)
  > fratelli/sorelle
  > altri familiari conviventi
  > nonni non conviventi

  • studenti universitari che hanno il medico in Emilia-Romagna (anche se frequentano Università fuori dal territorio regionale dell'Emilia-Romagna)
  • studenti dei percorsi di IeFP (Istruzione e Formazione Professionale)
  • personale scolastico delle scuole di ogni ordine e grado e dei servizi educativi 0-3 anni
  • personale degli enti di formazione professionale che erogano i percorsi di IeFP
  • farmacisti che partecipano al progetto
  • persone con disabilità, collaboranti e in grado di indossare la mascherina (in possesso di certificazione o di esenzione ticket) e loro familiari conviventi
 

Il test può quindi essere effettuato anche ai minori a condizione che sia presente un genitore/tutore/soggetto affidatario e che questo firmi il modulo di consenso all'esecuzione. 
La farmacia non può prenotare il test a persone che non rientrano tra gli aventi diritto. Queste persone possono ricorrere ad altri percorsi disponibili quali:
- test sierologico per privati cittadini - Domande frequenti
tampone per privati cittadini - Domande frequenti

 

Come richiedere il test

La persona avente diritto e che intende partecipare allo screening deve prendere l'appuntamento con una delle farmacie aderenti.
Consulta l'elenco aggiornato delle farmacie aderenti, accedendo al sito della Regione Emilia-Romagna.

Il farmacista avrà cura di informare il cittadino che l’attività verrà eseguita in autotest.
In caso di minori, un genitore o tutore deve dare il proprio consenso ed essere presente, per eseguire lui stesso il test al minore.
In caso di persone disabili il tampone verrà effettuato in autotest o, in alternativa, dal familiare convivente accompagnatore.
L’attività sarà sempre svolta nel rispetto di tutte le misure di sicurezza, dall’uso obbligatorio e corretto della mascherina, che sarà abbassata solo nel momento del campionamento e poi riposizionata correttamente, all’igienizzazione delle mani, dal controllo della temperatura corporea al distanziamento.

Lo screening è rivolto unicamente a persone prive di sintomi e, per la sicurezza di cittadini e farmacisti, non si può effettuare il test se negli ultimi 10 giorni si sono avuti contatti stretti con persone affette da Covid-19, se si ha febbre superiore a 37,5° C o sintomatologia respiratoria. Per i cittadini che si trovano in queste condizioni sono infatti attivi altri percorsi.

 
 

Il giorno del test

Le farmacia adotterà idonee misure di sicurezza (uso obbligatorio e corretto della mascherina, igienizzazione delle mani all’ingresso, controllo della temperatura corporea, distanziamento), spiegherà la finalità dello screening e raccoglierà i dati della persona in un'apposita scheda informatizzata. Dopo di che si procederà con l'esecuzione del tampone da parte del cittadino. In caso di minori, un genitore (o tutore) eseguirà lui stesso il tampone al minore.

La mascherina dovrà essere abbassata solo nel momento del test e poi andrà subito riposizionata correttamente.

 

Il video della Regione Emilia-Romagna che spiega come eseguire il test

 

Quali documenti portare il giorno dell'appuntamento

Occorre presentarsi all'appuntamento con:

 

Risultato del test

Il farmacista registrerà sul Portale regionale delle Farmacie i dati della persona che si sottopone al test. L'esito verrà trasmesso al medico di sanità pubblica dell’Azienda Usl di Modena e al medico medicina generale dell'interessato.

 

In caso di esito positivo al tampone nasale rapido è necessario effettuare il tampone molecolare nasofaringeo per la conferma o meno dell’eventuale contagio da Covid. L'interessato riceverà dall'Ausl, al numero di cellulare comunicato alla farmacia in fase di test, tutte le informazioni utili per eseguire lo specifico tampone.
In attesa dell'effettuazione del tampone molecolare occorre porsi in isolamento domiciliare evitando contatti con altre persone.
Se anche il tampone molecolare nasofaringeo dovesse risultare positivo, l'Ausl fornirà all'interessato tutte le informazioni necessarie per proseguire l'isolamento e la sorveglianza sanitaria. Se invece il tampone molecolare dà risultato negativo, si interrompe la quarantena.
In caso di esito negativo al tampone nasale rapido non è necessario alcun isolamento domiciliare.

Il cittadino riceve la propria scheda relativa al test eseguito sul Fascicolo Sanitario Elettronico.

 

Documenti

Ultimo aggiornamento: 26 Gennaio 2021