Home
  • Protocollo Bisogni Educativi Speciali (BES)

Condividi

Il Protocollo modenese sui Bisogni Educativi Speciali (BES)

La costituzione del Protocollo d'intesa sui Bisogni Educativi Speciali nasce dall'esigenza di un confronto interistituzionale stabile e operativo su questo tema.

I Bisogni Educativi Speciali ricomprendono qualsiasi difficoltà evolutiva di funzionamento, permanente o transitoria, in ambito educativo o di apprendimento, riconducibile a vari fattori di salute.

L'attenzione ai BES si sviluppa con l'emanazione della Direttiva 27/12/2012, che ha ampliato lo sguardo su tutta l'area dello svantaggio scolastico: la disabilità, i disturbi evolutivi specifici (DES e DSA) e tutte le situazioni di svantaggio socio-economico, linguistico, culturale.

Il Protocollo, firmato il 3 febbraio 2022, prevede un tavolo tecnico provinciale, composto da ogni rappresentante delle istituzioni firmatarie, che si pone i seguenti obiettivi:

 
  • definire attività di informazione e sensibilizzazione
  • promuovere attività di formazione
  • condividere modalità operative comuni
  • promuovere attività di rilevazione del bisogno, approfondimento e ricerca
  • facilitare la connessione tra i nodi della rete
  • omogeneizzare le prassi su tutto il territorio provinciale
 
 
 

Convegno BES – Bisogni Educativi Speciali del 3 febbraio 2022

 
 

Composizione del Tavolo Tecnico provinciale

Le istituzioni e le associazioni che fanno stabilmente parte del Tavolo tecnico sono: 

  • Azienda USL Modena
  • Ufficio Scolastico Provinciale di Modena
  • Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  • Comune di Modena
  • Conferenza Territoriale Socio-Sanitaria della provincia di Modena
  • Associazione Italiana Dislessia Modena
  • Associazione ANMIC Modena
  • Associazione Strada dei Geni
 

Approfondimenti