Home
  • CORONAVIRUS
  • Misure di sicurezza per l'accesso alle strutture sanitarie

Misure di sicurezza per l'accesso alle strutture sanitarie per accompagnatori e visitatori

In tutti gli ospedali della provincia di Modena delle tre Aziende sanitarie le persone ricoverate possono ricevere visite all’interno dei reparti "Non covid", secondo gli orari comunicati dalle diverse strutture. 

COME FUNZIONA L'ACCESSO AI REPARTI 
Fino al 31 dicembre 2022 l'accesso ai reparti di degenza ospedalieri (ad esclusione dei reparti Covid) è consentito a visitatori e caregiver dei pazienti ricoverati solamente se in possesso di certificazione verde verificata mediante l’App VerificaC19 (in modalità di controllo Green Pass “V-VISITATORI RSA”).

Condizioni e requisiti necessari per l’accesso ai reparti: 
a) Certificazione Verde COVID-19 rilasciata a seguito della somministrazione della dose di richiamo (“booster”) successivo al ciclo vaccinale primario;
b) Certificazione Verde COVID-19 rilasciata a seguito del completamento del ciclo vaccinale primario o dell'avvenuta guarigione unitamente ad una certificazione che attesti l'esito negativo di un tampone (test antigenico rapido o molecolare) eseguito nelle 48 ore precedenti l'accesso in reparto; c) Certificazione Verde COVID-19 rilasciata per il possesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità (ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104) unitamente ad una certificazione che attesti l'esito negativo di un tampone (test antigenico rapido o molecolare) eseguito nelle 48 ore precedenti l'accesso in reparto.

Le tre Aziende Sanitarie della provincia di Modena hanno previsto l’ingresso ai reparti per un massimo di due persone per ogni degente, e comunque non più di un visitatore alla volta, in fasce orarie che saranno stabilite da ogni singolo reparto e in ogni struttura ospedaliera presente sul territorio.
Per l'accesso ai reparti di degenza è fortemente consigliato l'utilizzo di mascherine FFP2 da parte dei visitatori per la propria ed altrui protezione.

È sempre consentito l’accesso ai visitatori, anche se non vaccinati ma in possesso di Certificazione verde COVID-19 prodotta a seguito di esito negativo di test antigenico o molecolare eseguito nelle 48 ore precedenti l’accesso, nel caso assistano:
- paziente minore;
- una donna in gravidanza anche nella fase di travaglio/parto e post-partum;
- paziente in possesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità ai sensi dell’art. 3, comma 3, della Legge 5 febbraio 1992, n. 104.

 

CHECK POINT AGLI INGRESSI DEGLI OSPEDALI
Gli operatori posti negli ingressi degli ospedali (check-point) verificheranno le necessarie e consuete misure di sicurezza per l'accesso degli accompagnatori/visitatori, cioè provvederanno a:
- misurare la temperatura corporea,
- verificare che tutti indossino la mascherina,
- far effettuare l'igienizzazione delle mani.

In caso il visitatore debba accedere ad un reparto di degenza gli operatori del check-point controlleranno anche il possesso del Green pass (mediante l’App VerificaC19 con modalità “V-VISITATORI RSA”) e, se necessario, chiederanno di esibire il referto del tampone negativo eseguito nelle 48 ore precedenti.  

Si ricorda infine che nei "Reparti COVID-19" non sono di norma ammesse visite, valutate solo in casi eccezionali, su specifica autorizzazione.  

Resta invariata invece la modalità di accesso per le persone che sostano in Pronto Soccorso. In questo caso, l'accesso dei parenti in sala d'aspetto non è consentito se non nelle fattispecie già oggi in vigore, ossia: per i minorenni, in caso di persone con disabilità e per anziani con problematiche che richiedano la presenza costante di un caregiver.

 
 
 

Link utili

  1. Ministero della Salute: Come proteggersi dal Covid-19
  2. Ministry of Health's web site dedicated to Novel coronavirus
 
Ultimo aggiornamento: 17 Maggio 2022