Home

Condividi

Ottobre rosa, iniziative per ricordare l’importanza dello screening mammografico

Eventi e incontri in ogni Distretto sanitario e strutture pubbliche illuminate di rosa, nel 2020 lo screening mammografico ha permesso di individuare 441 tumori nelle donne che hanno aderito al test su invito

Camminate di gruppo, incontri pubblici, monumenti che si illuminano di rosa. Anche in provincia di Modena il mese di ottobre è ‘rosa’, dedicato cioè alla prevenzione dei tumori femminili, in particolare il tumore del seno che è la neoplasia più frequente in Italia e la prima causa di morte per tumore nella popolazione femminile (report ‘ I numeri del cancro in Italia 2020’ Associazione italiana di oncologia medica e Associazione italiana registri tumori).

 

In ognuno dei sette Distretti sanitari sono state organizzate iniziative (vedi il programma completo nella pagina www.ausl.mo.it/ottobre-rosa) per sottolineare l’importanza dello screening nella diagnosi precoce dei tumori della mammella grazie al quale è possibile identificare il tumore ai primi stadi di sviluppo della malattia quando il trattamento ha maggiori probabilità di essere efficace e meno invasivo.

L’Azienda USL di Modena ricorda che il test di screening viene proposto gratuitamente ogni anno (offerto dal Sistema sanitario nazionale) alle donne dai 45 ai 49 anni e ogni due anni alle donne dai 50 ai 74 anni.  Le donne assistite, residenti o domiciliate in provincia di Modena, ricevono per posta e su Fascicolo Sanitario Elettronico un invito con l'indicazione dell'appuntamento (giorno, ora, luogo) e le modalità per l’eventuale modifica. È un esame rapido (dura circa 10 minuti) ed è eseguito da personale tecnico di radiologia, specializzato in questo tipo di esame, utilizzando un apparecchio radiologico, il mammografo. Normalmente le donne vengono invitate presso la sede di radiologia più vicina al luogo di residenza/domicilio; in base alle proprie esigenze (famigliari o lavorative) è però possibile cambiare la sede di esecuzione.

 

(Nelle foto uno dei primi eventi: L’inaugurazione di una panchina “in rosa”, assieme all'illuminazione in rosa di un angolo all'interno dell'Ospedale, per ricordare l’importanza dello screening e della diagnosi precoce. All’iniziativa, organizzata in collaborazione con l'associazione Per Vincere Domani, erano presenti: il Vicesindaco di Sassuolo Camilla Nizzoli, Silvio Di Tella (Direttore Sanitario dell'Ospedale di Sassuolo), Sonia Venturelli (Segretaria Direzione Generale Ospedale Sassuolo) e Federica Ronchetti (Direttrice Distretto sanitario di Sassuolo)

Il risultato dell'esame, quando negativo, viene spedito al domicilio e caricato su Fascicolo Sanitario Elettronico entro un mese circa. In caso venga ritenuto opportuno un ulteriore approfondimento la persona viene contattata telefonicamente e viene fissato un appuntamento presso il Centro di screening mammografico a Modena per l’effettuazione di approfondimenti diagnostici. Anche questi esami sono gratuiti e non richiedono impegnativa o ticket.

Tutte le informazioni sul servizio di screening dell’Azienda USL di Modena sono disponibili nella sezione dedicata del sito Ausl

 

I dati

Il 2020 è un anno che certamente risente della pandemia da Covid-19 che ha costretto tutto il sistema sanitario a riorganizzarsi. L’attività di screening di primo livello (mammografico, colon retto e collo dell’utero) è stata sospesa per circa due mesi, da marzo a maggio 2020, per effetto della riorganizzazione dei servizi a fronte della fase acuta di pandemia, mentre gli screening di secondo livello e le urgenze sono state sempre garantite anche il durante il look down.

Da tenere conto, inoltre, che il numero inferiore di mammografie rispetto agli anni precedenti è dovuto anche alle operazioni di sanificazione e ai controlli nel rispetto delle misure anti contagio che quindi allungano il tempo necessario per il test.

Al 1° gennaio 2020 (attività 2019) risultava invitato allo screening il 95% della popolazione femminile e, tra le donne invitate, il 71% ha aderito, in linea con quello che a livello regionale è stato fissato come standard ottimale.

Nel corso del 2020 sono stati effettuati 66.149 inviti a cui hanno aderito 48.841 donne residenti o domiciliate in provincia di Modena. Nello stesso anno, dopo lo screening, 2.884 di queste donne sono state inviate ad approfondimenti diagnostici. Ciò ha permesso di individuare ben 441 tumori, sia benigni che maligni.

Al 1° gennaio 2021 (attività 2020) risultava invitato allo screening mammografico l’86% della popolazione femminile target con una percentuale di adesione pari al 63%, numeri ridotti, come detto, per effetto della pandemia. Nel corso del 2021 l’attività di screening è ripresa a pieno regime tornando a livelli pre-Covid. A Giugno 2021 risultava invitato allo screening il 95,2% della popolazione femminile target con una percentuale di adesione pari al 73,8%, recuperando tutti gli esami pregressi.

 
 

[1 ottobre 2021]

Ultimo aggiornamento: 06 Ottobre 2021