Home

Condividi

Chiusura internazionale per Màt: arrivati a Modena cento video da tutto il mondo, sette le storie selezionate

"Meglio matti che corti" annuncia i finalisti

Il concorso Meglio Matti Che Corti - giunto alla sua settima edizione - ha lo scopo di raccogliere e premiare le migliori storie che raccontano il mondo della salute mentale attraverso il linguaggio dei cortometraggi. Stamattina - ultimo giorno di Màt, la Settimana della Salute Mentale - sono stati annunciati i video finalisti: tra questi anche Eggshell, una coproduzione italo-irlandese. Il 12 novembre la premiazione dei vincitori

E' uno degli appuntamenti più attesi di Màt, che chiude in grande la Settimana della Salute Mentale. Giunto alla settima edizione, il concorso internazionale Meglio Matti Che Corti -  promosso e organizzato da Arci e dall'AUSL di Modena - vuole diffondere una cultura di inclusione, di sensibilizzazione e di lotta al pregiudizio, indagando il mondo della salute mentale e le storie di chi lo vive. Quale modo migliore di utilizzare il linguaggio cinematografico per dar voce ai cittadini e a tutti gli operatori che ogni giorno si impegnano per ridurre la sofferenza e migliorare la qualità di vita di chi accede ai servizi?
 
Quest'anno sono oltre 100 gli autori da tutti il mondo che hanno inviato la propria opera per il concorso e la selezione dei film finalisti è stata curata da Ennesimo Film Festival (www.ennesimofilmfestival.com). I cortometraggi arrivati in finale sono sette, annunciati questa mattina: The bath (Anissa Daoud, Francia, Tunisia); I'm not telling you anything, just sayin (Milardovi Sanja, Croazia, Francia); All that's left (Hugo Salvaire, Belgio); Submarine man (Jake Morris, Regno Unito); Eggshell (Ryan William, Irlanda, Italia); Phase 5 (Valdés Carles, Spagna); Motus. Not a word (Wallace Elodie, Francia).

(Nella foto: un fotogramma da Eggshell, coproduzione italiana-irlandese in finale)
 
Due sono i premi per i quali concorrono questi migliori sette. Il Premio Vittorio Saltini che sarà assegnato da una Giuria tecnica formata da Fabrizio Starace (Direttore Dipartimento di Salute Mentale Ausl di Modena), Roberto Roversi (Presidente nazionale U.C.C.A) e Leonardo Gandini (Professore Università di Modena e Reggio Emilia) e il Premio del pubblico che sarà votato dagli spettatori della serata di proiezione il 12 novembre presso il cinema Astra di Modena. La serata di proiezione si svolge nell'ambito della dodicesima edizione del Viaemili@docfest, festival del cinema documentario (a Modena dall'11 al 14 novembre).
 
La partecipazione all'evento è possibile previo prenotazione sulla piattaforma Eventbrite o dal sito modenaviaemiliadocfest.it e sino ad esaurimento dei posti disponibili.

 
 

[23 ottobre 2021]

Ultimo aggiornamento: 25 Ottobre 2021