Home
Logo RER - Assessorato politiche per la saluteImmagine di un quadrato bianco riempitivoImmagine di un quadrato bianco riempitivoLogo SSR Emilia-Romagna DSP
 


I workshops in tema di salute e sicurezza sul lavoro della Regione Emilia-Romagna 2022

Le istruzioni per le iscrizioni sono contenute nei pdf dei programmi.

 

WORKSHOP

PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEGLI STUDENTI NEI PERCORSI PER LE COMPETENZE TRASVERSALI PER L’ORIENTAMENTO

Bologna – Martedì 22 Novembre 2022 - ore 14:30-16:00 - Nell'ambito di AMBIENTE-LAVORO 2022, Salone Nazionale della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro - Sala Regione Emilia-Romagna - Pad. 22, Quartiere fieristico di Bologna

Abstract - L’educazione alla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro rappresenta nella scuola una concreta opportunità di sviluppo delle competenze professionali, conferendo valore all’obbligo legislativo della materia. Nella giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole, le istituzioni presentano un workshop finalizzato ad illustrare le attività svolte e programmate in Regione Emilia-Romagna in tema di promozione della cultura della salute e sicurezza degli studenti grazie alla stabile collaborazione fra gli enti Regione, Ufficio Scolastico Regionale e Direzione Regionale INAIL, integrate nel vigente Piano Regionale della Prevenzione 2021-2025 e delineate dalla Convenzione recepita con DGR 2176/2019.

Programma


 

WORKSHOP

PERCEZIONE E VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRADALE IN SETTORI PROFESSIONALI E NON PROFESSIONALI DEL TRASPORTO

Gli incidenti stradali rappresentano un grave problema di Sanità Pubblica. Il DPCM 12 gennaio 2017 definisce la promozione della sicurezza stradale un Livello Essenziale di Assistenza (LEA) e conseguentemente gli interventi finalizzati alla promozione della salute in questo ambito costituiscono prestazioni sanitarie che devono essere garantite alla popolazione.
I dati disponibili confermano la gravità del fenomeno; considerando specificatamente la realtà lavorativa emerge la rilevanza dell’incidentalità stradale, sia in termini di infortuni, sia in termini di eventi mortali: i dati INAIL attestano che nel 2019 la circolazione stradale ha causato circa il 14% di tutti gli infortuni sul lavoro. I numeri diventano ancor più drammatici se si analizzano gli eventi con esito mortale: gli incidenti stradali in Italia nel 2019 rappresentano oltre il 40% del totale dei morti sul lavoro; come efficacemente illustrato nel report INAIL “un decesso su due ormai avviene fuori dall’azienda, su strada”. Anche nel 2020, anno in cui la circolazione stradale per motivo di lavoro è stata ridotta per circa 3 mesi causa pandemia da Sars-CoV-2, si sono verificati 1.586 infortuni in occasione di lavoro con mezzo di trasporto, indicando un rischio del tutto analogo a quello degli anni precedenti.
Il piano mirato attivato vuole contribuire a garantire maggiore sicurezza agli utenti/lavoratori operanti su strada, attraverso l’incremento della percezione del rischio da incidentalità stradale sia nelle aziende professionali del trasporto, sia in quelle che operano su altri settori ma che hanno operatori che, per lavoro, necessitano di trasferimenti su strada.

Programma


 

WORKSHOP

ESPERIENZE E PROSPETTIVE DI PREVENZIONE NEL SETTORE DELLA LOGISTICA

Bologna – Mercoledì 23 Novembre 2022 - ore 09:30-11:00 - Nell'ambito di AMBIENTE-LAVORO 2022, Salone Nazionale della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro - Sala Regione Emilia-Romagna - Pad. 22, Quartiere fieristico di Bologna

Abstract - Il workshop ha la finalità di rappresentare le esperienze del Gruppo Regionale Logistica della Regione Emilia-Romagna e individuare le prospettive di prevenzione del Settore come indicato anche dal Piano Regionale della Prevenzione all’interno del Piano Mirato del Programma Predefinito 6. Nella consapevolezza che una logistica ricca di principi e valori deve vedere la partecipazione di tutti i soggetti pubblici e privati e di tutte le Associazioni, si vuole condividere l’esperienza della Città Metropolitana di Bologna, come stimolo per altri territori.

Programma


 

WORKSHOP

SICUREZZA DI MACCHINE, ATTREZZATURE E IMPIANTI PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI

Bologna – Mercoledì 23 Novembre 2022 - ore 11:30-13:00 - Nell'ambito di AMBIENTE-LAVORO 2022, Salone Nazionale della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro - Sala Regione Emilia-Romagna - Pad. 22, Quartiere fieristico di Bologna

Abstract - Gli infortuni sul lavoro correlabili all’utilizzo di attrezzature, macchine ed impianti costituiscono un dato percentualmente rilevante rispetto al complesso degli infortuni sul lavoro riconosciuti dall’INAIL. La sicurezza delle attrezzature di lavoro è un processo che coinvolge numerosi soggetti dal fabbricante all’utilizzatore finale; è pertanto necessario condividere strumenti di analisi e valutazione con gli stakeholders per una gestione in sicurezza, in particolare in relazione a:
1. scelta, acquisto, messa in servizio e/o dismissione/vendita delle macchine
2. valutazione del rischio macchine all’inserimento nel ciclo produttivo
3. valutazione di vizi palesi
4. formazione e addestramento
5. gestione delle macchine per il mantenimento dei requisiti di sicurezza nel tempo
6. controlli interni del datore di lavoro e verifiche obbligatorie  
Il workshop espone la logica e gli elementi principali del progetto; sono presentati gli strumenti di analisi e valutazione (documenti tecnici, check-list e FAQ) predisposti e condivisi con gli stakeholders per la valutazione di situazioni significative correlate all’utilizzo di attrezzature, macchine ed impianti e, in specifico, in relazione a carrelli elevatori industriali e carriponte.

Programma


 

WORKSHOP

AMIANTO ZERO: IL PIANO AMIANTO DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

A trent’anni dal bando di ogni forma di estrazione, lavorazione, importazione e commercio di amianto (L.27 marzo 1992, n. 257), la protezione dei cittadini e dei lavoratori dai rischi legati alla presenza di materiali contenenti amianto è ancora un tema di grande attualità, sia perché l’ampio e svariato utilizzo che ne è stato fatto in passato comporta tutt’oggi la sua possibile presenza in strutture industriali o civili, sia perché i possibili effetti sulla salute si registrano a distanza di molti
anni dall’esposizione. 
La necessità di mantenere alta l’attenzione sul tema è inoltre di stretta attualità in relazione all’ondata di ristrutturazioni che mira ad adeguare gli edifici a un futuro a impatto climatico zero nel contesto del Green Deal europeo.
La Regione Emilia-Romagna, promotrice di un primo Piano Amianto già nel 1996, ha confermato l’impegno per la prevenzione in materia di amianto grazie all’adozione con DGR n.1945 del 4 dicembre 2017 di un rinnovato Piano regionale specifico, che trova fondamento in un approccio trasversale fra i settori ambiente, salute e lavoro e nella cooperazione tra i diversi soggetti e istituzioni coinvolti, di importanza strategica per affrontare efficacemente le diverse problematiche
amianto-correlate.
In tale ampio contesto, il workshop si rivolge in particolare ai professionisti coinvolti nella gestione dei cantieri edili ai sensi del D.Lgs. 81/2008, per attivare un percorso che inizia dall’identificazione dei materiali sospetti, per giungere  all’accertamento della presenza di amianto e programmare, nonché attuare, le corrette misure di prevenzione e protezione per ridurre al minimo la possibile esposizione a fibre di amianto e tutelare la salute dei lavoratori.

Programma


 

WORKSHOP

PREVENZIONE DEL RISCHIO CANCEROGENO PROFESSIONALE NEL TERRITORIO REGIONALE

Bologna –Mercoledì 23 Novembre 2022 - ore 16:30-18.00 - Nell'ambito di AMBIENTE-LAVORO 2022, Salone Nazionale della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro - Sala Regione Emilia-Romagna - Pad. 22, Quartiere fieristico di Bologna

Abstract - Con il recepimento della Direttiva UE 130/2019, avvenuta con decreto interministeriale nel febbraio 2021, i lavori comportanti l’esposizione a gas di scarico diesel sono stati inclusi tra i procedimenti considerati cancerogeni, per i quali si applicano le norme previste dal Capo II del Titolo IX del D.Lgs. 81/08. Con il recepimento è stato anche introdotto un valore limite di esposizione fissato in 0,05 mg/m3 (sulle 8 ore) misurato come carbonio elementare, che troverà applicazione dal 21 febbraio 2023, con l’eccezione delle attività minerarie sotterranee e di costruzione di gallerie per le quali tale valore si applicherà dal 21 febbraio 2026. Con l’obiettivo di supportare le attività di gestione del rischio cancerogeno da esposizione a gas di scarico diesel, in particolare all’interno delle officine di riparazione veicoli, la Regione Emilia-Romagna, in condivisione con la Bilateralità artigiana, ha messo a punto un Piano Mirato di prevenzione su questo tema, con la redazione di buone pratiche. Tale piano, previsto tra le azioni del PRP 2021-2025 (Programma Predefinito 8), prevede anche la redazione di buone pratiche per la sorveglianza sanitaria efficace sullo stesso tema.

Programma


 

WORKSHOP

PREVENZIONE DEL RISCHIO PSICOSOCIALE NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI DI ASSISTENZA PER ANZIANI ANCHE PER CONTRASTARE POSSIBILI VIOLENZE E AGGRESSIONI

Bologna – Giovedì 24 Novembre 2022 - ore 9:30-11:00 - Nell'ambito di AMBIENTE-LAVORO 2022, Salone Nazionale della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro - Sala Regione Emilia-Romagna - Pad. 22, Quartiere fieristico di Bologna

Abstract - In Emilia-Romagna sono attive circa 360 case residenza per anziani non autosufficienti, strutture socio-sanitarie per anziani che non necessitano di specifiche prestazioni ospedaliere. Dopo aver condotto una ricerca su un campione di queste strutture, viene ora attivato uno specifico piano mirato per implementare una buona pratica per la prevenzione del rischio psicosociale degli operatori, anche per contrastare violenze e aggressioni. Il piano mirato sarà condotto in collaborazione con l’Area Integrazione sociosanitaria - Non autosufficienza della Regione Emilia- Romagna, psicologi del lavoro e medici competenti, con il coordinamento di uno specifico gruppo tecnico regionale. Il seminario presenta il piano mirato e gli strumenti predisposti.

Programma


 

WORKSHOP

BUONE PRATICHE E SOLUZIONI PER IL SOVRACCARICO BIOMECCANICO IN ATTIVITÀ DI ASSISTENZA DOMICILIARE A PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI

Bologna – Giovedì 24 Novembre 2022 - ore 11:30-13:00 - Nell'ambito di AMBIENTE-LAVORO 2022, Salone Nazionale della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro - Sala Regione Emilia-Romagna - Pad. 22, Quartiere fieristico di Bologna

Abstract - Il servizio di assistenza domiciliare (SAD) ha lo scopo di permettere alle persone non autosufficienti o parzialmente non autosufficienti di vario grado, di rimanere al proprio domicilio, vicino alla famiglia e nella realtà sociale di appartenenza, garantendo, sulla base del programma assistenziale individualizzato, diverse prestazioni. Una ricerca condotta in un territorio della regione (2.363 assistenze a pazienti analizzate), ha consentito di acquisire importati conoscenze in termini sia di metodi di stima del rischio di sovraccarico biomeccanico sia di descrizione delle numerose e varie difficoltà per l’effettuazione del servizio in sicurezza per l’operatore e per l’assistito; sono già disponibili anche dati sulla salute dei lavoratori. Il piano mirato attivato vuole contribuire a garantire salute e sicurezza. Per la complessità del servizio SAD (domicilio, famiglie, resistenze a cambiamenti di arredi, integrazione tra diversi attori) il piano richiede un contesto di responsabilità sociale e il miglioramento di ogni strumento e percorso sono sicuramente un valore non rinunciabile.

Programma


 

WORKSHOP

SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE PER LA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO (SIRP-ER)

Bologna – Giovedì 24 Novembre 2022 - ore 14:30-16:00 - Nell'ambito di AMBIENTE-LAVORO 2022, Salone Nazionale della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro - Sala Regione Emilia-Romagna - Pad. 22, Quartiere fieristico di Bologna

Abstract - Cultura della prevenzione» può essere un “argomento fumoso” se non si attivano azioni concrete. Un’azione «concreta» è informare correttamente i lavoratori (e le aziende) e assicurarsi che siano consci dei rischi in modo da non incorrere in operazioni banali che sono costate anche la vita ad altri prima di loro. Questo può essere un ruolo dell’epidemiologia e di un sistema informativo, che parta dagli eventi avversi accaduti a «tanti» e ritorni fino alle aziende e agli stessi lavoratori, quali soggetti primi della prevenzione e della tutela della propria salute. La Regione Emilia-Romagna ha realizzato un sistema informativo pubblico con dati aggiornati e di grande dettaglio, di immediata e facile fruizione. Mediante un’attività di formazione rivolta alle diverse figure della prevenzione che operano per micro e piccole aziende nel contesto della bilateralità artigiana (EBER-OPRA), ci si è proposti, tra l’altro, di ridurre la disuguaglianza dovuta alla mancanza di dati aziendali propri relativi ai rischi e ai danni da lavoro.

Programma

Ultimo aggiornamento: 10 Novembre 2022