Home
  • Scuola delle emozioni

Condividi

La scuola delle emozioni


L’idea di questo progetto è quello di mettere al centro le emozioni, attraverso un percorso formativo e progettuale che si rivolge ai docenti e ai genitori delle scuole dell'infanzia e primaria della nostra provincia.

L'idea, co-progettata fra l'Azienda USL di Modena, l'Ufficio Scolastico provinciale con docenti dell'Università di Bologna, è nata nel periodo in cui ci siamo trovati a vivere l’esperienza pandemica ed ha preso forma a partire dalla esigenza, soprattutto dei più giovani, di poter comprendere la situazione che si è presentata, con particolare attenzione all’emotività.

La raccolta di buone prassi realizzate per portare avanti i percorsi inclusivi delle scuole, nonostante la “distanza”, costituisce elemento cardine per comprendere quali attività fossero state poste in essere durante questo periodo così difficile, per far sentire la “vicinanza” dei docenti agli alunni ed alle loro famiglie.

Per rispondere efficacemente alle necessità educative delle nuove generazioni, si rende opportuno concentrare l’attenzione non solo sulla parte dedicata agli apprendimenti didattici, ma anche sulla parte più educativa, volta ad una crescita globale della persona.

La riprogettazione pedagogica è stata elaborata attraverso nuove proposte metodologiche organizzate secondo:

 
  • il dare voce alle emozioni attraverso l’espressione artistica
  • il recuperare la dimensione di prossimità interpersonale
  • il coltivare un approccio legato al contatto con la natura e improntato alla sostenibilità
  • il mettere il corpo al centro della scena educativa, attraverso l’educazione ludico-motoria per raggiungere il benessere psico-fisico.


Aspetto essenziale si rivela quello della costruzione di un’alleanza educativa tra scuola e famiglia, alla base dell’azione educativa e tema centrale riguardo la riflessione pedagogica. Infatti, negli anni, si è sottolineata l’importanza della “co-educazione” e della continuità fra gli ambiti d’esperienza, cioè di un’educazione integrata promossa da una comunità educante fondata sia sulla continuità e frequenza degli scambi comunicativi, sia sulla qualità di questi. 

Il percorso formativo


Lunedì 29 novembre 2021 - SILVIA DEMOZZI 
“A scuola di emozioni, a scuola con emozione. Riflessioni pedagogiche attorno all’intreccio tra pensieri, emozioni e apprendimento”
 - Video della presentazione

__________________________________________________________________

Martedì 14 dicembre 2021 - RITA CASADEI 
“Entrare in relazione con la classe invisibile”
 - Video della presentazione
__________________________________________________________________

Martedi 18 gennaio 2022 - FRANCA BONATO
“Teatro educativo ed emozioni. Come costruire relazioni empatiche giocando con il corpo emotivo-espressivo”

__________________________________________________________________

 

Buone prassi

Uno degli obiettivi del progetto è quello di diffondere buone prassi sul tema delle emozioni.
Abbiamo iniziato a raccoglierne alcune, nella speranza che diventino sempre più numerose.
Guarda le buone prassi.


Coordinamento scientifico e cabina di regia

Il coordinamento scientifico del progetto è composto da Cristina Monzani, Giorgia Pifferi, Cecilia Gallotti, Gabriella Tritta e Massimo Brunetti.
Il progetto prevede una cabina di regia per l'implementazione dello stesso, composta da un gruppo di docenti, dirigenti ed esperti.
Fra questi Annalisa Mazzetti (Direzione Didattica di Pavullo), Ilaria Leonardi (Istituto Comprensivo Bursi Fiorano), Antonella Ferrari e Tina Ponticelli (Istituto Comprensivo Modena 1), Tiziana Segalini (Istituto Comprensivo Soliera), Anna Valentini (Istituto Comprensivo Nonantola) e Federica Granelli e Linda Fusara (CEIS).
Per informazioni potete scrivere a Gabriella Tritta g.tritta@ausl.mo.it

 

Parlano di noi

Qui alcuni articoli e video che parlano del nostro progetto:
Gazzetta Modena  15.12.21 - La “Scuola delle emozioni” I bambini ritrovano la socialità
TV Qui                      15.12.21 - Scuola delle emozioni il progetto per aiutare i bambini dopo la pandemia