La vita vale più di un bicchiere

Ogni anno in provincia di Modena oltre tremila persone devono affrontare il percorso di rivalutazione della patente per guida in stato di ebbrezza e più di 500 per guida sotto effetto di sostanze psicoattive illegali. Sono numeri rilevanti quelli dell’attività 2018 della Commissione Medica Locale e del servizio Dipendenze patologiche dell’Azienda USL di Modena, che mostrano come sia prioritario ridurre il numero di consumatori di alcol in situazioni di rischio e di persone che guidano in stato di ebbrezza.

 

“Alcol e guida” è il tema della campagna informativa 2019 dell’Azienda USL di Modena in occasione del mese di aprile dedicato alla prevenzione alcologica, con lo slogan “La vita vale più di un bicchiere”.
Il target di riferimento è rappresentato dai giovani e adulti tra i 25 e i 44 anni, maggiormente coinvolti dal fenomeno. “Anche per un singolo e occasionale episodio di consumo l’alcol può esporre al rischio di incidenti stradali – spiega Claudio Annovi, responsabile del Progetto alcologico dell’Ausl di Modena –. Ciò a causa degli effetti che determina sulle condizioni psicofisiche e sulle prestazioni di chi si pone alla guida di un veicolo: riduzione della facoltà visiva e dell’ampiezza della visione laterale; sonnolenza, diminuzione dell’attenzione e della concentrazione; difficoltà di coordinazione dei movimenti e di aumento dei tempi di reazione; riduzione della capacità di giudizio con sottovalutazione dei rischi”. Sono 7.536 i conducenti che, dal 2007 a oggi, hanno partecipato ai 392 corsi organizzati dai Servizi Dipendenze patologiche dell’Ausl per violazione dell’articolo 186 del Codice della Strada, che vieta la guida in stato di ebbrezza. Dal 2014 a oggi i professionisti dell’Azienda sanitaria hanno inoltre condotto 48 corsi motivazionali di 10 ore ciascuno, coinvolgendo 511 conducenti con almeno due episodi di infrazione accertata di guida in stato di ebbrezza. Centinaia i conducenti con quadri clinici di alcoldipendenza inviati dalla Commissione Medica Locale e seguiti dai servizi territoriali con trattamenti integrati di lungo periodo

La campagna sarà attiva anche sui social network e prevede una serie di eventi nei singoli distretti a cura dei centri alcologici, in collaborazione con numerosi partner che contribuiranno alla sua diffusione sul territorio.

 

I partner

L’iniziativa, organizzata dall’Ausl di Modena e sostenuta dalla Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria, è realizzata insieme ai Medici di Medicina Generale e ai Pediatri di Libera Scelta e alle associazioni:
> Al-ANON - Familiari di Alcolisti;
> AA - Alcolisti Anonimi;
> CAT - Club Alcologici Territoriali.
Collaborano alla campagna: A.I.O.P. (Associazione Italiana Ospedalità Privata) Emilia-Romagna.

 
 

I Centri Alcologici dell'Ausl di Modena

La persona che presenta comportamenti di abuso o dipendenza da bevande alcoliche può rivolgersi ai Centri alcologici dell'Azienda USL di Modena che operano, con equipe di professionisti (medico, psicologo, assistente sociale, infermiere, educatore), nel campo della prevenzione, diagnosi e cura dei disturbi legati al consumo e all'abuso di alcol.
La presa in carico valorizza la centralità della persona attuando, nella fase iniziale, un percorso di osservazione-diagnosi utile per proporre e attuare trattamenti terapeutico-riabilitativi personalizzati e flessibili, secondo le linee guida e i protocolli aziendali, sottoposti a periodica verifica.
Ogni situazione viene valutata singolarmente dall'equipe di professionisti per individuare e proporre trattamenti adeguati a contrastare la dipendenza e prevenirne le ricadute, e offrendo supporto psicologico.
I trattamenti di cura e riabilitazione possono prevedere in base alle necessità cliniche una gamma di possibili interventi tra cui trattamenti disassuefanti e di diagnosi e cura delle patologie correlate, interventi socio-educativi, psicoterapie individuali o familiari, inserimento in gruppi di auto-aiuto, percorsi in strutture diurne o residenziali, ricoveri ospedalieri in reparti dedicati per terapie intense, inserimenti ergoterapici, ecc...

 

Contatti utili

  1. Centri Alcologici dell'Azienda USL di Modena: consulta l'elenco delle sedi, i contatti e le informazioni utili
  2. Associazione Club Alcolisti in Trattamento (A.C.A.T.) Modena, Castelfranco Emilia, Vignola:  Tel. 338 6066996
  3. Associazione Club Alcolisti in Trattamento (A.C.A.T.) Sassuolo, Pavullo: Tel. 338 7761454
  4. Associazione Club Alcolisti in Trattamento (A.C.A.T.) Carpi, Mirandola - Ttel. 338 4860298 - 338 1148325
  5. Alcolisti Anonimi provincia di Modena (A.A.) - Tel. 333 4208029
  6. Associazione Familiari di Alcolisti Nazionale (Al-Anon) - Tel. 02 58018230
 


Ultimo aggiornamento: 02 Aprile 2019